Pil agricolo 'eccezione' nazionale, +4,7% nel primo trimestre 2013 | Agrinews.info

Pil agricolo ‘eccezione’ nazionale, +4,7% nel primo trimestre 2013

wpid-17106_coldiretti.jpg
image_pdf

In termini di Pil, il settore agricolo si conferma ancora una volta come unica eccezione positiva: nel primo trimestre 2013 infatti l’agricoltura ha fatto registrare un aumento del valore aggiunto sia in termini congiunturali (+4,7%) che tendenziali (+0,1%), confermandosi come comparto “in attivo” anche sul piano occupazionale, con l’aumento delle assunzioni dello 0,7%, in netta controtendenza con l’andamento recessivo del Pil e degli occupati dell’industria e dei servizi.

A sottolinearlo è la Coldiretti, rielaborando i dati Istat sui Conti economici trimestrali che evidenziano per l’Italia un calo tendenziale del Pil nel primo trimestre 2013 del 2,4%, provocato dalle flessioni nell’industria (-4,1%) e nei servizi (-1,4%).

“Nonostante gli effetti negativi sulle coltivazioni provocati dal maltempo e i segnali depressivi sui consumi che hanno interessato anche l’agroalimentare, l’agricoltura è stato l’unico settore che nel 2013 ha dimostrato segni di vitalità economica ed occupazione a conferma della validità e della modernità del modello di sviluppo agricolo Made in Italy che è fondato sul valorizzazione dell’identità, della qualità, delle specificità che consentono di affrontare e vincere la competizione internazionale”, commenta Sergio Marini, presidente della Coldiretti, evidenziando che “si tratta di un modello che può rappresentare un riferimento anche per gli altri settori”.

Il risultato, sottolinea la Coldiretti, “avrebbe potuto essere anche migliore se non fosse stato per una serie di fattori, a partire dall’ondata di maltempo che ha causato danni per oltre un miliardo di euro, con pesanti cali produttivi su quasi tutti i comparti e un aggravio di costi. Costi che, peraltro, sono ormai in continuo aumento, come dimostra anche l’ultimo dato di febbraio, con la crescita del 2,3 per cento dei prezzi dei vari fattori di produzione”.

A ciò va aggiunto che nel primo trimestre il saldo agricolo nei registri camerali tra nuove iscrizioni e chiusure è stato negativo con uno scarto di ben 13.106 unità. “Colpa”, conclude la Confederazione, “anche del fatto che il credito agrario erogato alle aziende agricole ha subito un taglio del 22 per cento nel 2012 con il valore delle erogazione sceso al livello più basso dal 2008, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ismea”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pil agricolo ‘eccezione’ nazionale, +4,7% nel primo trimestre 2013 Agrinews.info