Programmi di sviluppo rurale: completato il processo di adozione | Agrinews.info

Programmi di sviluppo rurale: completato il processo di adozione

Con l'adozione del Psr greco si è concluso il processo di integrazione dei 118 programmi per il periodo 2014-2020

agricola rurale
image_pdf

Con l’adozione del programma di sviluppo rurale (PSR) della Grecia è stato concluso il processo di adozione dei 118 programmi per il periodo 2014-2020. Con 99,6 miliardi di euro prelevati dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), più altri 60,6 miliardi di euro cofinanziati dai fondi pubblici nazionali o regionali o da investimenti privati, i programmi nelle intenzioni dell’Unione europea aiuteranno le zone e le comunità rurali europee a far fronte alle attuali sfide sul piano economico, ambientale e sociale e a trarre vantaggio dalle opportunità che si presentano.

Il nuovo regolamento sullo sviluppo rurale (regolamento (UE) n. 1305/2013) per il periodo 2014-2020 evidenzia sei priorità economiche, ambientali e sociali. I programmi contengono obiettivi chiari che stabiliscono le finalità da conseguire. Inoltre, per coordinare le azioni in modo più efficiente e massimizzare le sinergie con gli altri fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE), con ciascuno Stato membro è stato concluso un accordo di partenariato, che illustra a grandi linee la strategia per gli investimenti strutturali finanziati dall’UE. Con un bilancio di 454 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, i fondi SIE sono il più importante strumento della politica d’investimenti dell’Unione.

In considerazione del fatto che i 52% del territorio dell’UE è occupato da regioni prevalentemente agricole caratterizzate da profonde diversità, la Commissione offre agli Stati membri maggiore flessibilità affinché il sostegno possa adattarsi meglio alle specificità di ogni regione o paese e si traduca in una maggiore sussidiarietà.

Gli Stati membri possono in tal modo costituire programmi nazionali o regionali propri, che ne riflettano le peculiarità, basandosi su almeno quattro delle sei priorità comuni: conoscenza e innovazione, competitività, migliore organizzazione della filiera alimentare, tutela degli ecosistemi, efficienza delle risorse e inclusione sociale. Queste priorità riflettono anche l’entità dei benefici che i fondi dello sviluppo rurale recano alla società in generale, non solo alle aziende e alle altre comunità agricole.

Per esempio, le autorità polacche hanno deciso di stanziare un terzo dei fondi del PSR per rafforzare la redditività e la competitività delle aziende agricole, con un programma che offrirà sostegno agli investimenti per circa 200.000 aziende e più di 1.800 associazioni di produttori, al fine di creare migliaia di posti di lavoro. Il sostegno all’insediamento dei giovani agricoltori è incluso in molti programmi regionali, quali quelli della Piccardia o della Bassa Normandia in Francia.

Tra le più frequenti priorità nei programmi di sviluppo rurale a livello nazionale e regionale figura l’azione per il clima.

L’Austria, ad esempio, ha assegnato il 71% del sostegno per migliorare la gestione delle risorse naturali e stimolare pratiche agricole rispettose del clima, affinché l’83% della superficie agricola sia gestito nell’ambito di contratti a sostegno della biodiversità e il 75% destinato a migliorare la qualità dell’acqua.
Analogamente, la priorità centrale del PSR irlandese è preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura: tre quarti del totale dei fondi dell’Irlanda sono assegnati a questa priorità.

L’interconnessione tra le zone rurali e il miglioramento delle infrastrutture sono prerequisiti importanti della competitività: in Italia, il programma di sviluppo rurale della Calabria contribuirà all’integrazione sociale e allo sviluppo economico nelle zone rurali grazie al miglioramento delle infrastrutture a banda larga per circa il 48% della popolazione agricola.

Leggi qui anche le news sui Psr di Lombardia, Molise, Trento.

Copyright © - Riproduzione riservata
Programmi di sviluppo rurale: completato il processo di adozione Agrinews.info