Bando ISI agricoltura 2016: parte l’inserimento online dei progetti | Agrinews.info

Bando ISI agricoltura 2016: parte l’inserimento online dei progetti

A partire da oggi, 10 novembre 2016, e fino al 20 gennaio 2017, le imprese agricole interessate, possono accedere alla procedura informatica per l’inserimento dei progetti finanziabili

L_macchinari agricoltura
image_pdf

Avvio della prima fase del bando ISI-Agricoltura 2016.

Da oggi, 10 novembre, disponibile sul sito dell’INAIL la procedura informatica che consentirà alle imprese agricole interessate di inserire la domanda di contributo.

Potranno partecipare le imprese di micro e piccola dimensione operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

I progetti proposti potranno riguardare l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali o di macchine agricole o forestali caratterizzati da soluzioni innovative per l’abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore e il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende.

 

 

Leggi: Acquisto di trattori e macchine agricole: bando da 45 milioni per micro e piccole aziende

 

La domanda

La domanda potrà essere presentata dalle  micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 del codice civile e titolari di partita IVA in campo agricolo, nella forma di:

  • imprese individuali;
  • società agricole;
  • società cooperative.

 

 

Risorse a disposizione

Le risorse complessivamente disponibili ammontano a 45 milioni di euro, con una riserva pari a 5 milioni per i giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria (Asse 1). I restanti 40 milioni sono destinati, invece, alla generalità delle imprese agricole.

 

 

Oggetto

I progetti presentati dovranno avere ad oggetto l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti e, in concomitanza, la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

I progetti, in particolare, potranno prevedere l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di due beni al massimo, da associare come segue:

  • un trattore agricolo o forestale più una macchina agricola o forestale dotata o meno di motore proprio;
  • una macchina agricola o forestale dotata di motore proprio più una macchina agricola o forestale non dotata di motore proprio;
  • due macchine agricole o forestali non dotate di motore proprio.

 

Requisiti  dei macchinari e delle attrezzature

I macchinari e le attrezzature ammissibili a finanziamento dovranno determinare una riduzione concreta delle emissioni inquinanti, garantendo altresì un aumento di produttività pari o superiore al 25%, anche attraverso l’automazione di fasi di lavoro precedentemente svolte manualmente e, al contempo, dovranno assicurare un miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori attraverso una riduzione del rischio rumore sia nei confronti dell’operatore che rispetto all’ambiente.

 

 

Caratteristiche del contributo

L’incentivo è costituito da un contributo in conto capitale e sarà concesso nella misura del 40% (50% per le imprese condotte da giovani agricoltori) delle spese ritenute ammissibili, con un minimo di 1.000 e un massimo di 60.000 euro.

Nel caso di vendita o permuta di trattori/macchine dismessi nell’ambito del progetto di finanziamento, il contributo verrà calcolato al netto del valore della vendita/permuta.

Con riferimento agli stessi costi ammissibili, l’incentivo potrà essere cumulato con altri aiuti di stato/aiuti “de minimis” a condizione che tale cumulo non comporti il superamento delle predette percentuali.

Saranno ammesse le spese riferite a progetti avviati successivamente alla data di presentazione della documentazione a completamento della domanda.

 

 

Credenziali per alla compilazione della domanda

Per accedere alla procedura di compilazione della domanda, l’impresa dovrà essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi on line Inail (Nome Utente e Password) e di un codice ditta registrato negli archivi INAIL. Per ottenere dette credenziali di accesso è necessario effettuare la registrazione sul portale INAIL almeno 48 ore prima della chiusura della procedura per la compilazione della domanda.

Le imprese con contribuzione non gestita da INAIL, sprovviste di Nome Utente e Password, dovranno iscriversi cliccando sull’etichetta “Accedi ai servizi online” collocata in alto a destra nella home page del portale www.inail.it e accedere alla sezione “Registrazione – Login”. Una volta effettuata la registrazione, l’utente dovrà autenticarsi sul portale INAIL con il ruolo di “Azienda con contribuzione non gestita da INAIL” ed effettuare la creazione del codice Ditta attraverso l’apposita funzione “Ditte non Inail – Anagrafica” opzione “Nuova Ditta”.

 

 

Termini per  salvare la domanda…

Da oggi, 10 novembre 2016, e fino alle ore 18.00 del 20 gennaio 2017, sul sito www.inail.it – sezione “accedi ai servizi online”, le imprese registrate attraverso la procedura informatica potranno effettuare tutte le simulazioni relative al progetto per cui si richiede il contributo, verificare il raggiungimento del punteggio soglia di ammissibilità (pari a 100 punti) e salvare la domanda inserita rendendola definitiva.

 

 

…e successivo download del codice identificativo

A partire dal 1° febbraio 2017, le imprese che hanno salvato definitivamente la propria domanda potranno accedere all’interno della procedura informatica per effettuare il download del proprio codice identificativo, necessario per l’invio definitivo dell’istanza.

 

 

Invio domande on line

L’invio delle domande inserite potrà avvenire nei termini che saranno fissati dall’INAIL.

Le date e gli orari di apertura e di chiusura dello sportello informatico per l’inoltro delle domande saranno pubblicate sul sito www.inail.it a partire dal 30 marzo 2017.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Bando ISI agricoltura 2016: parte l’inserimento online dei progetti Agrinews.info