Biogas o compost: novità Ue per la trasformazione da sottoprodotti animali | Agrinews.info

Biogas o compost: novità Ue per la trasformazione da sottoprodotti animali

In vigore dal 22 febbario 2017 il Regolamento (Ue) 2017/172 introduce novità anche sull'importazione di alimenti per animali da compagnia e l'esportazione di stallatico trasformato

biogas
image_pdf

Entrerà in vigore il 22 febbraio prossimo il Regolamento (Ue) della Commissione del 1 febbraio 2017  che modifica i parametri per la trasformazione dei sottoprodotti di origine animale in biogas o in compost nonché le condizioni per l’importazione di alimenti per animali da compagnia e per l’esportazione di stallatico trasformato.

Le sue norme sono obbligatorie in tutti i suoi elementi e direttamente applicabili negli Stati membri.

 

Più flessibilità rispetto al Regolamento del 2011

Con Regolamento 2017/172 della Commissione del 1° febbraio 2017 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea del 2 febbraio 2017 L 28/1,  l’Ue modifica i parametri per la trasformazione dei sottoprodotti di origine animale in biogas o in compost, le condizioni per l’importazione di alimenti per animali da compagnia e per l’esportazione di stallatico trasformato.

Il Regolamento del 2011 (Reg. Ue n. 142/2011) ha infatti fissato  le norme per la trasformazione di sottoprodotti di origine animale in biogas e in compost prevedendo che l’autorità competente possa, a determinate condizioni, autorizzare l’applicazione di prescrizioni particolari diverse da quelle specificate dal regolamento. In tali casi “i residui della digestione e il compost dovrebbero essere immessi sul mercato solo all’interno dello Stato membro in cui i parametri di trasformazione alternativi sono stati autorizzati”.

Al fine di dare alle autorità competenti la necessaria flessibilità nel modo in cui esse disciplinano gli impianti di biogas e compost, l’Ue esclude dalle norme stabilite i residui della digestione e il compost “per i quali lo Stato membro ha già autorizzato parametri di trasformazione alternativi“.

 

Le altre novità

Le modifiche introdotte dal riguardano anche:

  • l’importazione di sottoprodotti di origine animale e di prodotti derivati esclusivamente da paesi terzi autorizzati, in particolare “l’importazione di alimenti greggi per animali da compagnia derivati da sottoprodotti della pesca provenienti da paesi terzi autorizzati a importare prodotti della pesca destinati al consumo umano in conformità all’allegato II della decisione 2006/766/Ce della Commissione”;
  •  l’esportazione di stallatico trasformato destinato all’incenerimento o allo smaltimento in discarica, che è di norma vietata, a parte il caso in cui il Paese di destinazione sia un membro dell’OCSE. Il regolamento si propone di “consentire l’esportazione di stallatico trasformato e fertilizzanti organici contenenti unicamente stallatico trasformato”, fissando “norme per l’esportazione di tali prodotti per fini diversi dall’incenerimento, dallo smaltimento in discarica o dall’uso in impianti per la fabbricazione di biogas o compost in paesi non membri dell’OCSE” che stabiliscano prescrizioni almeno equivalenti a quelle per l’immissione sul mercato dei materiali citati.

Riferimenti :

  • regolamento (Ce) n. 1069/2009 norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale e ai prodotti derivati non destinati al consumo umano e che abroga il regolamento (Ce) n. 1774/2002
  • regolamento (Ue) n. 142/2011 disposizioni di applicazione del regolamento (Ce) n. 1069/2009, comprendenti i parametri per la trasformazione dei sottoprodotti di origine animale in biogas o in compost, le condizioni per l’immissione sul mercato di alimenti importati per animali da compagnia e le norme per l’esportazione di materiali di categoria 2.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Biogas o compost: novità Ue per la trasformazione da sottoprodotti animali Agrinews.info