Consumo del suolo: via libera al Ddl dal Governo | Agrinews.info

Consumo del suolo: via libera al Ddl dal Governo

wpid-12822_consumodelsuoloddl.jpg
image_pdf

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al disegno di legge per la valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo del suolo, detto “Ddl Catania” dal nome del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali che l’ha proposto, insieme ai Ministeri dei beni culturali e dello sviluppo economico-infrastrutture. “L’opportunità dell’intervento” sottolinea la nota del Governo “è quanto mai attuale alla luce dei gravissimi fenomeni alluvionali degli ultimi giorni”. 

Con il Ddl viene sancito il divieto di mutamento di destinazione per almeno 5 anni per le superfici agricole che hanno ricevuto aiuti di Stato o comunitari. Il provvedimento persegue la finalità di valorizzare la superficie agricola, oltre che lo scopo di promuovere l’attività agricola che su di essi si svolge o potrebbe svolgersi, al fine di impedire che il suolo venga eccessivamente “eroso” e “consumato” dall’urbanizzazione e di favorire con il recupero di nuclei abitati rurali. “La salvaguardia della destinazione agricola dei suoli e la conservazione della relativa vocazione naturalistica” – specifica il Governo – “rappresentano un obiettivo di primaria importanza, soprattutto alla luce dei dati statistici acquisiti, dai quali risulta la progressiva “cementificazione” della superficie agricola nazionale.

Con il Ddl il Governo intende garantire l’equilibrio tra i terreni agricoli e le zone edificate o edificabili ponendo un limite massimo al consumo di suolo e stimolando il riutilizzo delle zone già urbanizzate. Con la fissazione del limite massimo all’estensione di superficie agricola utilizzabile viene salvaguardata la destinazione agricola dei suoli; il mantenimento dell’attività agricola, di conseguenza, contribuisce a diminuire il rischio di dissesti idrogeologici, tutelando così non solo il paesaggio ma anche la produzione.

“Per tale scopo” spiega la nota del Governo “si prevede la destinazione dei proventi derivanti dai titoli abilitativi edilizi e dalle sanzioni riscosse ad interventi di realizzazione delle opere di urbanizzazione, primaria e secondaria, nonché per la qualificazione dell’ambiente e del paesaggio anche ai fini della messa in sicurezza delle aree esposte a rischio idrogeologico”. Anche perché – ricorda il Governo – l’Italia non è autosufficiente dal punto di vista della produzione agricola, “quindi più suolo si consuma e meno è sicuro il nostro territorio e più grande è il deficit alimentare del nostro Paese”.

Esprimendo soddisfazione per l’approvazione del Ddl, il Ministro Catania auspica che “ora l’iter parlamentare sia breve e che la legge possa essere approvata entro questa legislatura. Purtroppo i terribili eventi legati al maltempo ci hanno ricordato ancora una volta quanto sia necessaria un’azione urgente, per mettere un freno alla cementificazione e per stimolare un’edilizia moderna e sostenibile che sia capace di riqualificare e ricostruire. Al contempo dobbiamo consentire all’agricoltura di continuare a presidiare i territori, non sottraendo superfici fertili a questa attività, che rappresenta anche una delle più efficaci forme di tutela ambientale”.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
Consumo del suolo: via libera al Ddl dal Governo Agrinews.info