II edizione Jadavagando. Per scoprire i segreti e le magie dell'Altamarca Trevigiana. | Agrinews.info

II edizione Jadavagando. Per scoprire i segreti e le magie dell’Altamarca Trevigiana.

image_pdf

II edizione Jadavagando.
Per scoprire i segreti e le magie
dell’Altamarca Trevigiana

4 maggio 2008: una data da non dimenticare per tutti gli appassionati di enogastronomia, per gli amanti del benessere e per tutti coloro che vogliono degustare a pieno la storia, la cultura e la natura dell’Altamarca Trevigiana. Domenica 4 maggio, infatti, verrà organizzata la seconda edizione di Jadavagando, l’evento promosso da Bisol e Jada nella meravigliosa tenuta del Relais Duca di Dolle a Rolle di Cison di Valmarino, affascinante borgo antico eletto Punto Fai nel 2004 per l’unicità incontaminata del suo ambiente: una giornata all’insegna del buon gusto, il cui ricavato verrà devoluto per sostenere le attività del Fai e di Fondazione Slow Food per la Biodiversità, per lo sviluppo del presidio malese del Pepe Nero di Rimbàs.

Fai e Slow Food sono due realtà che, come Bisol, si impegnano da sempre nella tutela del territorio e che, in occasione di Jadavagando, verranno rappresentate ufficialmente da due prestigiosi ospiti: Adelina Secco – vicepresidente regionale del Fai – e Piero Sardo – presidente della Fondazione Internazionale per la Biodiversità Slow Food – riceveranno, infatti, dalla famiglia Bisol un simbolico assegno, in occasione della conferenza stampa che verrà organizzata alle ore 17.00 presso la Sala Convegni del Relais Duca di Dolle.

Jadavagando si svilupperà nella Corte del Relais e lungo i sentieri, i vigneti biodinamici e i boschi che circondano il Duca di Dolle, antico monastero cistercense, il cui fascino è stato ulteriormente impreziosito dalla recente ristrutturazione voluta da Bisol: un delizioso paradiso dell’ospitalità e del benessere, che attende di svelare i suoi angoli più segreti e le sue storie più coinvolgenti. Jadavagando rappresenta un felice connubio tra arte, musica e la cultura del vino e del cibo, poiché il vino non è “qualcosa da bere” ma da “degustare”, che coinvolge ed emoziona tutti i sensi.

Nella Corte del Duca di Dolle, si proporrà in una doppia esibizione il geniale ed istrionico artista Andrea G. Pinketts: Pinketts interpreterà l’inedito reading noir “Un viaggio in Veneto” – a fianco del regista e scrittore Roberto Leggio – ed, inoltre, presenterà in anteprima in Veneto il suo ultimo libro, “La fiaba di Bernadette che non ha visto la Madonna”, da lui stesso definita “una fiaba pop che aspettavo di leggere da tempo; siccome nessuno mi accontentava ci ho dovuto pensare da solo”.

In occasione di Jadavagando, verranno organizzati concerti Jazz, seminari, spettacoli per bambini e, per gli amanti della natura, sarà emozionante passeggiare a cavallo o seguire il percorso guidato delle erbe spontanee o dei vigneti biodinamici nei poderi circostanti la foresteria.

Bisol, l’altezza. Jeio, l’ampiezza. Jada, la profondità. Antica Quercia, il tempo. Queste le quattro dimensioni attraverso cui Bisol sviluppa l’esperienza, la competenza e la passione per il territorio che da sempre la distinguono. Questi i quattro marchi di vini attraverso cui Bisol interpreta l’Altamarca: un percorso che verrà approfondito durante il seminario tenuto da Gianluca Bisol, direttore generale, dall’export manager Matteo Bisol e dal sommelier Nicola Frasson, degustatore per la Guida ai Vini d’Italia Slow Food.

“Mettete le rose nei vostri Vigneti” è invece l’originale titolo del seminario nato da un’idea del Fai: una libera conversazione sul tema “Vigneti, paesaggio e rose”, tenuta da Flaminia Palminteri e da Livia Musini Davanzo, esperte di architettura del paesaggio. Il seminario verrà arricchito dalla presenza dello scrittore Nico Naldini, che presenterà l’opera della pittrice trevigiana Olimpia Biasi. L’estetica del vigneto, la bellezza del fiore più romantico e delicato, l’architettura del paesaggio: i relatori ci spiegheranno come questi aspetti possano compenetrarsi l’uno con l’altro, arricchendosi reciprocamente.

Il Relais Duca di Dolle sarà, inoltre, la cornice di originali esposizioni artistiche. Oltre alla Mostra Internazionale dell’Illustrazione per l’infanzia di Sarmede (Tv) e alle opere della pittrice trevigiana Olimpia Biasi, il pubblico potrà ammirare lungo i sentieri del Duca di Dolle l’installazione dei Tappi Perbacco: si tratta di originali macro sculture a forma di tappo – personalizzate dagli artisti Roberto Bertazzon, Walter Davanzo, Risamori, Paolo Menon, Sonia Ros, Mario Tavernaro – che in cinque anni toccherà le capitali delle bollicine coinvolgendo Prosecco, Cava, Champagne, California e Australia. Il 2008 è dedicato al Prosecco.

I gourmet potranno, infine, seguire il corso di cucina tenuto dalla storica gastronomica Carla Coco e da Mariagrazia Calò, chef della Prova del Cuoco, e percorrere i “sentieri del gusto”: nella tenuta, infatti, verranno allestite numerose isole enogastronomiche, dove si degusteranno pregiate etichette Bisol, Jeio, Jada e Antica Quercia in abbinamento alla selezione di specialità venete e veneziane di Jada e durante l’intera giornata, ad ogni ora verrà offerto un ricco buffet ristorante.

Costo del Biglietto:
€ 38,00 a persona – € 30,00 soci AIS – Slow Food – FAI e Assosvezia;
Ragazzi: € 19,00 fino a 25 anni – gratis bambini fino a 12 anni.

Le iscrizioni, a posti limitati, sono aperte e vanno inviate all’indirizzo [email protected]

Per altre informazioni, consultare il sito http://www.jada.it

Copyright © - Riproduzione riservata
II edizione Jadavagando. Per scoprire i segreti e le magie dell’Altamarca Trevigiana. Agrinews.info