Se i cinghiali diventano una calamita' | Agrinews.info

Se i cinghiali diventano una calamita’

wpid-10049_cinghialineicampi.jpg
image_pdf

Alcuni agricoltori molisano hanno lamentato danni provocati dalla presenza di cinghiali sui loro terreni: danni al raccolto ma anche agli impianti fissi quali, vigneti, oliveti, frutteti ecc che vengono compromessi mediante il brufolamento e l’indurimento del terreno superficiale dovuto al calpestio.

Per questo la Cia del Molise ha organizzato un importante incontro tra i dirigenti dell’Organizzazione e gli agricoltori provenienti da tutta la provincia di Isernia ed anche di Campobasso.

Difatti, a parere della Cia, la prima incongruenza si riscontra nelle competenze istituzionali: da una parte le province stabiliscono le aree di ripopolamento, le aree di riserva e la calendarizzazione dell’attività venatoria,  mentre dall’altra la Regione Molise attraverso l’assessorato all’Agricoltura provvede al riconoscimento ed al risarcimento danni da fauna selvatica.

Inoltre, la legge regionale n.6/83 risulta inadeguata al fenomeno, in quanto mentre all’epoca della sua approvazione vi era una necessità di conservazione e ripopolamento di alcune specie di fauna selvatica quali ad esempio il cinghiale, oggi invece si riscontra una eccedenza di questo animale  che rischia di compromettere l’equilibrio ambientale e la conservazione della biodiversità e soprattutto arreca gravi danni al settore agricolo.

La Cia del Molise suggerisce di procedere ad un censimento dei capi ed uno studio sulle varietà genetiche constatato  che attualmente si riscontra sul territorio regionale il dominio di una specie  fortemente proliferante, prevedendo nell’ambito della pianificazione della stagione venatoria periodi più lunghi di caccia consentita ai cinghiali e l’avviamento del “selecontrollo” ovvero la caccia di selezione attuata attraverso cacciatori appositamente formati e muniti di relativo patentino.

La Cia del Molise chiede insomma certezze e pari dignità per queste imprese agricole interessate da questo fenomeno che sta assumendo aspetti sempre più imponenti tanto da essere diventato una vera e propria calamità.

Ad oggi le richieste di risarcimento danni alle produzioni agricole presentate finora nell’anno 2011 sono quasi 800.

A.U.

Copyright © - Riproduzione riservata
Se i cinghiali diventano una calamita’ Agrinews.info