269MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 13 ottobre 2003: Decreto afferente la conferma della concessione ad Enel Distribuzione S.p.a. dell'attivita' di distribuzione di energia elettrica nei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 3, gia' attribuita all'Enel S.p.a. con decreto del 28 dicembre 1995, e l'adeguamento della convenzione, stipulata il 28 dicembre 1995 | Agrinews.info

269MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 13 ottobre 2003: Decreto afferente la conferma della concessione ad Enel Distribuzione S.p.a. dell’attivita’ di distribuzione di energia elettrica nei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 3, gia’ attribuita all’Enel S.p.a. con decreto del 28 dicembre 1995, e l’adeguamento della convenzione, stipulata il 28 dicembre 1995

269MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 13 ottobre 2003: Decreto afferente la conferma della concessione ad Enel Distribuzione S.p.a. dell'attivita' di distribuzione di energia elettrica nei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 3, gia' attribuita all'Enel S.p.a. con decreto del 28 dicembre 1995, e l'adeguamento della convenzione, stipulata il 28 dicembre 1995 tra il Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato e l'Enel S.p.a., alle disposizioni di legge emanate dopo tale data. (GU n. 269 del 19-11-2003- Suppl. Ordinario n.176)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 13 ottobre 2003

Decreto afferente la conferma della concessione ad Enel
Distribuzione S.p.a. dell’attivita’ di distribuzione di energia
elettrica nei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 3, gia’ attribuita
all’Enel S.p.a. con decreto del 28 dicembre 1995, e l’adeguamento
della convenzione, stipulata il 28 dicembre 1995 tra il Ministero
dell’industria, del commercio e dell’artigianato e l’Enel S.p.a.,
alle disposizioni di legge emanate dopo tale data.

IL MINISTRO
DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, che attua la
direttiva n. 96/92/CE, recante norme comuni per il mercato interno
dell’energia elettrica ed in particolare l’art. 1, comma 1, ai sensi
del quale l’attivita’ di distribuzione dell’energia elettrica e’
svolta in regime di concessione rilasciata dal Ministro
dell’industria, del commercio e dell’artigianato, ora Ministro delle
attivita’ produttive, e l’art. 9, comma 1, che prevede che le imprese
distributrici operanti alla data 1° aprile 1999, ivi comprese, per la
quota diversa dai propri soci, le societa’ cooperative di produzione
e distribuzione di cui all’art. 4, n. 8, della legge 6 dicembre 1962,
n. 1643, continuano a svolgere il servizio di distribuzione sulla
base di concessioni rilasciate entro il 31 marzo 2001 dal Ministro
dell’industria, del commercio e dell’artigianato e aventi scadenza il
31 dicembre 2030;
Visto l’art. 2, comma 7, del citato decreto legislativo, in base
al quale i clienti vincolati sono legittimati a stipulare contratti
di fornitura di energia elettrica esclusivamente con il distributore
che esercita il servizio nell’area territoriale dove e’ localizzata
l’utenza;
Vista la legge 5 marzo 2001, n. 57, recante disposizioni in
materia di apertura e regolazione dei mercati ed in particolare
l’art. 10, comma 3, che stabilisce le procedure di aggregazione in
ambiti territoriali contigui per le societa’ di distribuzione
dell’energia elettrica degli enti locali;
Vista la legge 10 ottobre 1990, n. 287, recante le norme per la
tutela della concorrenza e del mercato e, in particolare, l’art. 8,
come modificato dall’art. 11 della legge 5 marzo 2001, n. 7, che
stabilisce, per le imprese che esercitano la gestione di servizi di
interesse economico generale ovvero operano in regime di monopolio
sul mercato, le modalita’ per svolgere attivita’ in mercati diversi
da quelli in cui operano;
Vista la legge 14 novembre l995, n. 481, recante norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’ e per
la istituzione delle autorita’ di regolazione dei servizi stessi ed
in particolare, gli articoli 2, commi 35, 36 e 37, e 3, comma 8,
recanti norme in materia di concessioni nei settori ivi disciplinati
ed in materia di attivita’ elettriche esercitate dalle imprese
elettriche degli enti locali;
Vista la delibera dell’Autorita’ per l’energia elettrica ed il
gas n. 61/99 dell’11 maggio 1999, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
n. 164 del 15 luglio 1999, recante norme sulla separazione contabile
amministrativa per i soggetti giuridici che operano nel settore
dell’energia elettrica;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 28 dicembre 1995, con il quale e’ stata
approvata la convenzione di concessione delle attivita’ elettriche
all’ENEL S.p.a, per effetto di quanto disposto dall’art. 14, primo
comma. del decreto-legge 11 luglio 1992, n. 333, convertito nella
legge 8 agosto 1992, n. 359, che attribuisce all’ENEL S.p.a. la
concessione di esercizio delle attivita’ elettriche gia’ riservate
all’ENEL dalla legge 6 dicembre 1962, n. 1643;
Visto l’art. 38 della legge 24 novembre 2000, n. 340, in base al
quale la titolarita’ della concessione e della relativa convenzione
di cui sopra e’ stata trasferita all’Enel Distribuzione S.p.a. per la
parte relativa alle attivita’ di distribuzione e vendita ai clienti
vincolati;
Visto il comma 3 dell’art. 19 della convenzione di concessione
secondo il quale le parti avrebbero proceduto “ad adeguare … la
convenzione” medesima “alle modifiche … introdotte da disposizioni
comunitarie o dal legislatore nazionale nel quadro normativo che
regola l’ordinamento del settore elettrico”;
Ritenuto pertanto di procedere agli adempimenti di competenza,
ferme restando le attribuzioni dell’Autorita’ per l’energia elettrica
ed il gas previste in materia dall’art. 2, comma 12, lettere b) e d),
della legge 14 novembre 1995, n. 481;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 25 giugno 1999 di determinazione dell’ambito della
rete elettrica di trasmissione nazionale;
Visto il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 24 aprile 2001 che individua gli obiettivi
quantitativi e le misure per l’incremento dell’efficienza energetica
negli usi finali di energia;
Visto l’atto costitutivo della societa’ ENEL Distribuzione S.p.a.
e l’annesso statuto in data 31 maggio 1999 per rogito notaio Atlante
di Roma, repertorio n. 8437, secondo quanto imposto dall’art. 13,
comma 2, lettera b), del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
Vista la delibera del consiglio di amministrazione di Enel
Distribuzione S.p.a. in data 10 settembre 2003 con la quale e’ stato
approvato lo schema della annessa convenzione;
Considerato che, alla data del 1° aprile 1999, nel territorio dei
comuni di cui all’elenco allegato 1 al presente decreto l’ENEL,
S.p.a., dante causa di ENEL Distribuzione S.p.a., era operante in
qualita’ di unico distributore e che pertanto debba essere rilasciata
all’ENEL Distribuzione S.p.a. la concessione dell’attivita’ di
distribuzione di energia elettrica per i comuni del citato elenco;
Considerato che, alla data del 1° aprile 1999, nel territorio dei
comuni di cui all’elenco allegato 2 al presente decreto l’ENEL
S.p.a., dante causa di ENEL Distribuzione S.p.a., era operante in
qualita’ di unico distributore e che, per i detti comuni, sono state
presentate al Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato entro il 31 marzo 2000, da parte di societa’
partecipate da enti locali, domande di ammissione alle procedure di
aggregazione di cui al comma 3 dell’art. 9 del decreto legislativo 16
marzo 1999, n. 79, secondo quanto previsto dallo stesso art. 9, comma
5, del medesimo decreto, come modificato dall’art. 10, comma 3, della
legge 5 marzo 2001, n. 57;
Ritenuto che la concessione relativa ai comuni compresi
nell’elenco all’allegato 2, di cui al precedente considerato, deve
essere attribuita ad Enel Distribuzione S.p.a. in considerazione del
fatto che, al momento, non essendo stato raggiunto alcun accordo tra
le parti, l’esercizio delle attivita’ di distribuzione da parte di
un’altra impresa in aree del territorio sino ad oggi servite
interamente dall’Enel Distribuzione S.p.a. non sarebbe idonea a
conseguire “il fine di razionalizzare la distribuzione dell’energia
elettrica” ottimizzando il servizio reso alla clientela, che
costituisce lo scopo precipuo delle aggregazioni di cui all’art. 9,
commi 3 e 5 citati, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
Considerato, infine, che nel territorio dei comuni di cui
all’allegato 3, servito promiscuamente da Enel Distribuzione S.p.a. e
da altro distributore, la concessione debba essere attribuita ad Enel
Distribuzione S.p.a. in quanto essa alimenta un numero di clienti
superiore al 50% e risulta, quindi, in grado di assicurare condizioni
di razionale assetto del servizio di distribuzione sulla clientela e
in quanto, altresi’, non vi sono casi di soggetti diversi da Enel
Distribuzione S.p.a. con utenza maggiore del 20% che rientrino tra le
disposizioni ed i principi di cui all’art. 9, comma 4, del decreto
legislativo n. 79/1999 e che abbiano esercitato la facolta’ ivi
prevista;
Considerato, peraltro, che in caso di raggiungimento di accordi
che prevedano la cessione da parte di Enel Distribuzione S.p.a. delle
reti comprese nelle aree di cui all’allegato 2 ovvero di cui
all’allegato 3, il Ministro delle attivita’ produttive, ai sensi
dell’art. 9, comma 6, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79,
provvedera’ alla conseguente ripartizione della presente concessione;

Decreta:
Art. 1.

1. La concessione delle attivita’ di cui all’art. 1, primo comma,
della legge 6 dicembre 1962, n. 1643, per l’esercizio della fornitura
di energia elettrica nel territorio nazionale attribuita all’Enel
S.p.a. con il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 28 dicembre 1995 e’ riferita all’attivita’ di
distribuzione di energia elettrica, in conformita’ agli articoli 1,
comma 1, e 9 del decreto legislativo n. 79 del 1999 e all’art. 38
della legge 24 novembre 2000, n. 340, e rimane attribuita ad Enel
Distribuzione S.p.a.
2. L’attivita’ di cui al comma 1 e’ svolta nei comuni di cui agli
allegati 1, 2 e 3 al presente decreto.
3. Il servizio e’ svolto per le finalita’ e secondo le
condizioni, modalita’ e limiti previsti dall’annessa convenzione di
adeguamento della convenzione stipulata in data 28 dicembre 1995.
4. La concessione di cui al comma 1, ai sensi dell’art. 9, comma
1, del decreto legislativo n. 79/1999, e’ attribuita a titolo
gratuito ed ha scadenza il 31 di…

[Continua nel file zip allegato]

269MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – DECRETO 13 ottobre 2003: Decreto afferente la conferma della concessione ad Enel Distribuzione S.p.a. dell’attivita’ di distribuzione di energia elettrica nei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 3, gia’ attribuita all’Enel S.p.a. con decreto del 28 dicembre 1995, e l’adeguamento della convenzione, stipulata il 28 dicembre 1995

Agrinews.info