AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - COMUNICATO - Accordo per l'istituzione del Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale. (GU n. 118 del 23-5-2007 | Agrinews.info

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI – COMUNICATO – Accordo per l’istituzione del Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale. (GU n. 118 del 23-5-2007

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - COMUNICATO - Accordo per l'istituzione del Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale. (GU n. 118 del 23-5-2007 )

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

COMUNICATO

Accordo per l’istituzione del Fondo nazionale di pensione
complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle
Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale.

Il giorno 14 maggio 2007, alle ore 9,30 ha avuto luogo l’incontro
tra l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche
amministrazioni e le Confederazioni ed organizzazioni sindacali
rappresentative nelle persone:
ARAN:
nella persona del presidente avv. Massimo Massella Ducci Teri
(firmato);
=====================================================================
Organizzazioni sindacali |Confederazioni sindacali
=====================================================================
CGIL-FP (firmato) | CGIL (firmato)
———————————————————————
CISL/FPS (firmato) | CISL (firmato)
———————————————————————
UIL/FPL (firmato) | UIL (firmato)
———————————————————————
Coordinamento sindacale autonomo |
{Fiadel/Cisal, Fialp/Cisal, Cisas-Fisael, |
Confail-Unsiau, Confill Enti Locali-Cusal, |
Usppi-Cuspel-Fasil-Fadel} (firmato) | CISAL (firmato)
———————————————————————
Diccap – Dipartimento enti locali – Camere |
di commercio – Polizia municipale (Fenal, |
Snalcc, Sulpm) (firmato) |
———————————————————————
Cida enti locali (firmato) | CIDA (firmato)
———————————————————————
Direr Direl (firmato) | CONFEDIR (firmato)
———————————————————————
Fsi (firmato) | USAE (firmato)
———————————————————————
Fials (firmato) | CONFSAL (firmato)

Le Parti prendono atto che nell’ipotesi di Accordo, all’art. 6,
comma 3, e’ stata omessa per errore materiale la parola “anche” dopo
l’espressione “… da un numero di candidati …”.
Al termine della riunione, le parti stipulano l’allegato Accordo
concernente l’istituzione del Fondo Nazionale di Pensione
Complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle
Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale.
Accordo per l’istituzione del Fondo Nazionale di Previdenza
Complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle
Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale.
Premessa:
Visto il decreto legislativo n. 124/1993 e successive
modificazioni;
Vista la legge 23 agosto 2004, n. 243, recante norme in materia
pensionistica e deleghe al Governo nel settore della previdenza
pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e
all’occupazione stabile e per il riordino degli enti di previdenza ed
assistenza obbligatoria;
Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 inerente la
disciplina delle forme pensionistiche complementari;
Visto quanto disposto dall’art. 1, comma 767, della legge 27
dicembre 2006, n. 296;
Vista la legge 8 agosto 1995, n. 335, di riforma del sistema
pensionistico obbligatorio e complementare;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20
dicembre 1999 sul trattamento di fine rapporto e l’istituzione dei
fondi pensione dei pubblici dipendenti, come modificato ed integrato
dal successivo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2
marzo 2001 pubblicati rispettivamente nella Gazzetta Ufficiale n. 111
del 15 maggio 2000 e nella Gazzetta Ufficiale n. 118 del 23 maggio
2001;
Visto l’Accordo quadro stipulato in data 29 luglio 1999 in
materia di trattamento di fine rapporto e di previdenza complementare
ed i seguenti CCNL:
comparto del personale delle Regioni ed Autonomie locali:
CCNL successivo a quello del 1° aprile 1999 sottoscritto il 14
settembre 2000 e pubblicato nel supplemento ordinario n. 196 (art.
49) alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 27 novembre 2000;
CCNL biennio economico 2000/2001 sottoscritto il 5 ottobre 2001
e pubblicato nel supplemento ordinario n. 247 (art. 18) alla Gazzetta
Ufficiale n. 270 del 20 novembre 2001;
comparto del personale del Servizio sanitario nazionale:
CCNL integrativo del CCNL stipulato il 7 aprile 1999
sottoscritto il 20 settembre 2001 e pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 248 del 24 ottobre 2001 – serie generale (art. 46);
CCNL biennio economico 2000/2001 sottoscritto il 20 settembre
2001 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 248 del 24 ottobre 2001
– serie generale (art. 13);
dirigenti del comparto Regioni ed Autonomie locali:
CCNL biennio economico 2000/2001 sottoscritto in data 12
febbraio 2002 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 51 del 1°
marzo 2002 – serie generale (art. 11).
Le parti concordano di istituire una forma pensionistica
complementare, a contribuzione definita ed a capitalizzazione
individuale, da attuare mediante costituzione del Fondo nazionale
pensione complementare per i lavoratori di cui ai CCNL citati, di
seguito denominato Fondo per brevita’ di dizione. Il Fondo e’
alimentato dai contributi stabiliti dal presente accordo e da quelli
eventualmente fissati da successivi contratti collettivi nazionali di
lavoro.
I contenuti del presente accordo istitutivo devono essere
recepiti nello statuto dell’istituendo Fondo unitamente ad ogni altro
aspetto disciplinato dalla normativa vigente o da delibere della
Commissione di vigilanza sui fondi pensione in materia statutaria.
Art. 1.
Costituzione
1. Il Fondo e’ costituito ai sensi dell’art. 12 e seguenti del
codice civile e del decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 124, e
successive modificazioni ed integrazioni, di seguito indicato per
brevita’ decreto.
2. Il Fondo e’ disciplinato dallo statuto e dal regolamento
elettorale.

Art. 2.
Destinatari
1. Sono destinatari delle prestazioni del Fondo i lavoratori
dipendenti ai quali si applicano i CCNL sottoscritti dalle
Organizzazioni sindacali e dall’ARAN per il Comparto delle Regioni e
delle Autonomie locali, per il comparto del Servizio sanitario
nazionale e per le relative aree dirigenziali, assunti con una delle
seguenti tipologie di contratto:
contratto a tempo indeterminato;
contratto part-time a tempo indeterminato;
contratto a tempo determinato, anche part-time, e ogni altra
tipologia di rapporto di lavoro flessibile, secondo la disciplina
legislativa e contrattuale vigente nel tempo, di durata pari o
superiore a tre mesi continuativi.
2. I lavoratori, come identificati al comma 1, a seguito
dell’adesione volontaria al Fondo, acquistano il titolo di
“Associato”.
3. Possono, altresi’, essere destinatari delle prestazioni del
Fondo:
a) i lavoratori, cosi’ come identificati al precedente comma 1,
appartenenti ai seguenti settori affini: personale di enti ed
organizzazioni regionali ed interregionali, personale dipendente
dalle case di cura private e personale dipendente delle strutture
ospedaliere gestite da enti religiosi, personale dei servizi
esternalizzati secondo l’ordinamento vigente, personale dipendente di
imprese del privato e privato sociale eroganti servizi socio-sanitari
assistenziali ed educativi, a condizione che vengano stipulati dalle
competenti organizzazioni sindacali appositi accordi nei rispettivi
ambiti contrattuali per disciplinare l’adesione da parte dei
lavoratori interessati;
b) i lavoratori, cosi’ come identificati al precedente comma 1,
dipendenti delle organizzazioni sindacali firmatarie del presente
accordo ovvero dei contratti collettivi nazionali di lavoro di cui al
comma 1, compresi i dipendenti in aspettativa sindacale ai sensi
dell’art. 31 della legge 20 maggio 1970, n. 300, operanti presso le
predette Organizzazioni firmatarie, alle quali competeranno i
correlativi oneri contrattuali, sulla base delle specifiche
disposizioni che disciplinano il rapporto di lavoro con le suddette
Organizzazioni.
Dichiarazione congiunta
Le parti si danno reciprocamente atto che l’area dei destinatari
del presente Accordo puo’ comprendere anche i segretari comunali e
provinciali e i dirigenti dei ruoli sanitario, professionale, tecnico
ed amministrativo del Servizio sanitario nazionale, i quali potranno
aderire al Fondo una volta perfezionate le dichiarazioni di volonta’
di adesione e le procedure contrattuali che li riguardano, in
particolare per il reperimento delle risorse, secondo gli indirizzi
formulati dal Comitato di settore.

Art. 3.
Associati
1. Sono associati al Fondo:
a) i destinatari in possesso dei requisiti di partecipazione di
cui all’art. 2, che abbiano sottoscritto la domanda di adesione
volontaria, di seguito denominati “lavoratori associati”;
b) gli enti e le aziende dei comparti delle Regioni e delle
Autonomie locali e della Sanita’, di seguito denominati
Amministrazioni, che abbiano alle loro dipen…

[Continua nel file zip allegato]

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI – COMUNICATO – Accordo per l’istituzione del Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle Autonomie locali e del Servizio sanitario nazionale. (GU n. 118 del 23-5-2007

Agrinews.info