AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 22 Giugno 2007 | Agrinews.info

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 22 Giugno 2007

AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 22 Giugno 2007 - Modalita' di contribuzione agli oneri di funzionamento dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas. (Deliberazione n. 143/07). (GU n. 163 del 16-7-2007 )

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 22 Giugno 2007

Modalita’ di contribuzione agli oneri di funzionamento dell’Autorita’
per l’energia elettrica e il gas. (Deliberazione n. 143/07).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 22 giugno 2007;
Visti:
la legge 14 novembre 1995 (di seguito: legge n. 481/1995);
il decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46;
i decreti legislativi 16 marzo 1999, n. 79, e 23 maggio 2000, n.
164;
la legge 23 agosto 2004, n. 239;
la legge 30 dicembre 2004, n. 312 (di seguito legge n. 312/2004);
la legge 23 dicembre 2005, n. 266 (di seguito: legge n.
266/2005);
la legge 23 febbraio 2006, n. 51 (di seguito: legge n. 51/2006);
il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.
445;
la deliberazione 28 dicembre 2004, n. 254/04, come
successivamente modificata ed integrata, con la quale l’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) ha approvato il
proprio regolamento di contabilita’ con allegato schema dei conti;
la deliberazione 29 dicembre 2006, n. 328/06 con la quale
l’Autorita’ ha approvato il proprio regolamento di organizzazione e
funzionamento;
il documento recante “Modalita’ di contribuzione agli oneri di
funzionamento dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas”;
Considerato che:
il comma 38 dell’art. 2 della legge n. 481/1995, come modificato
dal comma 68-bis dell’art. 1 della legge n. 266/2005, stabilisce che
all’onere derivante dal funzionamento dell’Autorita’ si provveda
mediante contributo a carico dei soggetti operanti nei settori
dell’energia elettrica e del gas, entro il limite massimo dell’uno
per mille dei ricavi risultanti dai relativi bilanci approvati e
riferiti all’esercizio immediatamente precedente e che l’Autorita’
puo’ stabilire modalita’ e termini della predetta contribuzione con
la procedura disciplinata dal comma 65 dell’art. 1 della legge n.
266/2005;
il predetto comma 65 stabilisce che la deliberazione con cui
l’Autorita’ provvede a fissare, tra l’altro, i termini e le modalita’
del versamento, deve essere sottoposta al Presidente del Consiglio
dei Ministri per l’approvazione, sentito il Ministro dell’economia e
delle finanze, con proprio decreto entro venti giorni dal
ricevimento; decorso tale termine senza che siano state formulate
osservazioni, la suddetta deliberazione diviene esecutiva;
il comma 40 dell’art. 2 della legge n. 481/1995, come modificato
dal comma 24 dell’art. 18 della legge n. 312/2004, prevede che le
somme versate dai soggetti operanti nei settori dell’energia
elettrica e del gas, relative al contributo, affluiscano direttamente
al bilancio dell’Autorita’;
la misura del contributo, una volta definita, determina
l’ammontare dei versamenti in favore dell’Autorita’ che costituisce
l’unica fonte di entrata dell’Autorita’ stessa per far fronte ai
propri oneri di funzionamento;
Ritenuto che:
sia opportuno definire, in via generale, le modalita’ di
contribuzione agli oneri di funzionamento dell’Autorita’ al fine di
garantire ai soggetti operanti nei settori dell’energia elettrica e
del gas un quadro applicativo certo, omogeneo e conoscibile che
indichi:
a titolo meramente ricognitivo, la tipologia delle attivita’ il
cui esercizio costituisce presupposto dell’obbligo contributivo posto
in capo ai soggetti operanti nei settori dell’energia elettrica e del
gas;
le tipologie dei ricavi rilevanti ai fini della determinazione
della base imponibile;
le istruzioni relative alla effettuazione del versamento del
contributo e le conseguenze previste dalla legge in caso di omesso,
tardivo o indebito pagamento;
le modalita’ di contribuzione, come individuate nel documento
richiamato in premessa, soddisfino i principi di economicita’,
trasparenza ed efficienza dell’azione amministrativa;
Delibera:

1. Di approvare il documento recante “Modalita’ di contribuzione
agli oneri di funzionamento dell’Autorita’ per l’energia elettrica e
il gas” allegato alla presente deliberazione di cui costituisce parte
integrante e sostanziale (Allegato A).
2. Di trasmettere la presente deliberazione al Presidente del
Consiglio dei Ministri per l’approvazione di cui al combinato
disposto previsto dai commi 65 e 68-bis dell’art. 1 della legge n.
266/2005.
3. Di pubblicare la presente deliberazione, una volta divenuta
esecutiva, sul sito internet dell’Autorita’
(www.autorita.energia.it).
Milano, 22 giugno 2007
Il Presidente: Ortis

Allegato A

MODALITA’ DI CONTRIBUZIONE AGLI ONERI DI FUNZIONAMENTO DELL’AUTORITA’
PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Capo I
Disposizioni generali
Art. 1.

Oggetto

1.1 Il presente documento contiene le modalita’ di contribuzione
agli oneri di funzionamento dell’Autorita’ per l’energia elettrica e
il gas (di seguito: l’Autorita) previste dall’art. 2, comma 38, della
legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/1995) e
definite dall’Autorita’ a norma del comma 68-bis, dell’art. 1, della
legge 23 dicembre 2005, n. 266/2005 (di seguito: legge n. 266/2005).
Art. 2.

Soggetti passivi

2.1 Ai sensi del comma 68-bis, dell’art. 1, della legge n.
266/2005 sono tenuti al versamento del contributo i soggetti operanti
nei settori dell’energia elettrica e del gas, iscritti nel registro
delle imprese nell’anno precedente, che esercitano una o piu’ delle
attivita’ che di seguito sono elencate in via ricognitiva:
a) produzione dell’energia elettrica, inclusa la produzione di
energia elettrica degli impianti con produzione combinata di energia
elettrica e calore;
b) trasmissione dell’energia elettrica;
c) dispacciamento dell’energia elettrica;
d) distribuzione dell’energia elettrica;
e) misura dell’energia elettrica;
f) acquisto e vendita all’ingrosso dell’energia elettrica;
g) vendita ai clienti finali dell’energia elettrica;
h) servizi statistici di cui al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri 12 marzo 2002;
i) coltivazione del gas naturale;
j) rigassificazione del gas naturale liquefatto;
k) stoccaggio del gas naturale;
l) trasporto del gas naturale;
m) dispacciamento del gas naturale;
n) distribuzione del gas naturale;
o) misura del gas naturale;
p) acquisto e vendita all’ingrosso del gas naturale;
q) vendita ai clienti finali del gas naturale;
r) distribuzione, misura e vendita di altri gas a mezzo di
reti.
2.2 Non costituiscono presupposto dell’obbligo di contribuzione
le seguenti attivita’:
a) le attivita’ elettriche estere;
b) le attivita’ gas estere.
2.3 L’attivita’ di distribuzione, di misura e di vendita di altri
gas a mezzo di reti comprende le medesime operazioni attribuite alle
attivita’ di distribuzione del gas naturale, misura del gas naturale
e vendita del gas naturale, nel caso in cui la materia prima
trasportata sia costituita da gas di petrolio liquefatto (Gpl), o da
gas manifatturati, o da aria propanata e come tale e’ assoggettata al
contributo.
2.4 L’importazione e l’esportazione di gas ed energia elettrica
sono riconducibili all’attivita’ di compravendita e sono assoggettate
al contributo.
2.5 Nel caso di societa’ legate da rapporti di controllo o di
collegamento di cui all’art. 2359 del codice civile ovvero sottoposte
ad attivita’ di direzione e coordinamento ai sensi dell’art. 2497 del
codice civile e, operanti nei settori dell’energia elettrica e il
gas, anche mediante rapporti commerciali all’interno del medesimo
gruppo, ciascuna societa’ e’ tenuta a versare un autonomo contributo
la cui entita’ deve essere calcolata in relazione ai ricavi iscritti
a bilancio derivanti dall’attivita’ svolta dalla singola societa’
nelle attivita’ di cui al presente articolo.
Art. 3.

Base imponibile

3.1 Il contributo e’ liquidato sul valore dei ricavi conseguiti
nelle attivita’ di cui al precedente art. 2, che risultano dal
bilancio approvato dell’esercizio precedente. I ricavi assoggettati
al contributo sono costituiti dalle componenti positive di reddito
desumibili dal conto economico del bilancio relative alla gestione
ordinaria e accessoria dell’impresa.
3.2 Sono escluse dal contributo le poste rettificative dei costi
quali gli incrementi delle immobilizzazioni, le variazioni dei lavori
in corso e le variazioni delle rimanenze dell’esercizio.
3.3 Concorrono a determinare la base imponibile del contributo
anche i ricavi conseguiti dall’applicazione di corrispettivi da
versare successivamente ad esercenti altre attivita’ della filiera,
per prestazioni da questi erogate.
Art. 4.

Competenza e definizione della misura del contributo

4.1 L’Autorita’, con propria deliberazione, stabilisce
annualmente, entro il limite massimo di cui al comma 68-bis,
dell’art. 1, della legge n. 266/2005, la misura del contributo
necessaria alla copertura dei costi relativi al proprio
funzionamento, nonche’ i termini e le modalita’ di v…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 22 Giugno 2007

Agrinews.info