AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Agrinews.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 30 marzo 2004: Disposizioni urgenti in materia di cessione dell'energia elettrica alle imprese distributrici per la vendita ai clienti del mercato vincolato e di perequazione dei costi di approvvigionamento dell'energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato. (Deliberazione n. 50/2004). (GU n. 89 del 16-4-2004)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 30 marzo 2004

Disposizioni urgenti in materia di cessione dell’energia elettrica
alle imprese distributrici per la vendita ai clienti del mercato
vincolato e di perequazione dei costi di approvvigionamento
dell’energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato.
(Deliberazione n. 50/2004).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 30 marzo 2004;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n.
481/1995);
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (di seguito: decreto
legislativo n. 79/1999), ed in particolare l’art. 4 relativo alla
societa’ Acquirente unico S.p.a. (di seguito: l’Acquirente unico) a
garanzia dei clienti vincolati;
gli indirizzi adottati dal Ministro delle attivita’ produttive in
data 31 luglio 2003 per l’attuazione di un sistema organizzato delle
offerte di vendita e di acquisto di energia elettrica, basato su un
mercato o borsa dell’energia elettrica e su un mercato del servizio
di dispacciamento (di seguito: indirizzi per il Sistema Italia 2004);
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 19 dicembre
2003, recante assunzione della titolarita’ delle funzioni di garante
della fornitura dei clienti vincolati da parte della societa’
Acquirente unico e direttive alla medesima societa’ (di seguito:
decreto ministeriale 19 dicembre 2003);
l’allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: Autorita) 16 ottobre 2003, n. 118/03
(di seguito: deliberazione n. 118/03);
la deliberazione dell’Autorita’ 30 gennaio 2004, n. 5/04 (di
seguito: deliberazione n. 5/04);
il testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasmissione, distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica
– Periodo di regolazione 2004-2007, approvato con deliberazione n.
5/04, come successivamente modificato e integrato (di seguito: testo
integrato);
la deliberazione dell’Autorita’ 27 marzo 2004, n. 46/04 (di
seguito: deliberazione n. 46/04);
l’allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ 27 marzo 2004, n.
48/04 (di seguito: deliberazione n. 48/2004);
Considerato che:
l’Acquirente unico e’ titolare della funzione di garante della
fornitura ai clienti del mercato vincolato dal 1° gennaio 2004 ai
sensi del decreto ministeriale 19 dicembre 2003; e che l’art. 4,
commi 6 e 9, del decreto legislativo n. 79/1999, prevedono che siano
definite direttive per la stipula di contratti di cessione alle
imprese distributrici dell’energia elettrica destinata al mercato
vincolato, assicurando l’equilibrio economico del medesimo Acquirente
e che sia determinato il corrispettivo per le attivita’ di propria
competenza;
la cessione di energia elettrica alle imprese distributrici
riguarda tutte le partite di energia elettrica destinate al mercato
vincolato e che i costi sostenuti dall’Acquirente unico per
l’approvvigionamento dell’energia elettrica destinata al mercato
vincolato devono essere riconosciuti dalle imprese distributrici
cessionarie della medesima energia;
l’art. 30 del testo integrato stabilisce che il prezzo di
cessione dell’energia elettrica alle imprese distributrici per la
vendita ai clienti del mercato vincolato pagato dalle imprese
distributrici all’Acquirente unico e’ determinato dal medesimo
Acquirente al termine di ciascun mese e che tale prezzo e’ pari, in
tale mese, al costo unitario sostenuto dall’Acquirente unico per
l’approvvigionamento dell’energia elettrica destinata al mercato
vincolato;
il costo unitario per l’approvvigionamento dell’energia elettrica
di cui al precedente alinea e’ pari alla somma del costo unitario di
acquisto dell’energia elettrica, sia attraverso il sistema delle
offerte che attraverso contratti di compravendita conclusi al di
fuori del medesimo sistema, dei costi unitari sostenuti per la
copertura dei rischi connessi all’oscillazione dei prezzi
dell’energia elettrica, del costo unitario sostenuto dall’Acquirente
unico in qualita’ di utente del dispacciamento e del corrispettivo
unitario riconosciuto al medesimo Acquirente unico;
la deliberazione n. 48/04 prevede una fase di avvio del
dispacciamento di merito economico definendo una disciplina aderente
alle esigenze poste dall’operativita’ del Sistema Italia 2004 senza
partecipazione attiva della domanda, che trova applicazione sino al
termine di tale fase, ossia per il solo anno 2004;
il Titolo 5 della deliberazione n. 48/04 prevede, tra i
corrispettivi a carico dell’utente del dispacciamento responsabile di
punti di dispacciamento per unita’ di consumo, il corrispettivo a
copertura dei costi per la remunerazione della disponibilita’ di
capacita’ produttiva, il corrispettivo a copertura dei costi per la
remunerazione del servizio di interrompibilita’ del carico e il
corrispettivo a copertura dei costi connessi con la riconciliazione
2001;
i corrispettivi indicati al precedente alinea concorrono alla
determinazione dei costi unitari sostenuti dall’Acquirente unico in
qualita’ di utente del dispacciamento e, conseguentemente, alla
determinazione del prezzo di cessione di cui all’art. 30 del testo
integrato;
l’art. 5, comma 7, della deliberazione n. 5/04 stabilisce che,
per il periodo compreso tra il 1° febbraio 2004 e il 31 marzo 2004 in
deroga a quanto disposto dall’art. 31, comma 31.1, del testo
integrato, la determinazione per ciascuna impresa distributrice della
quantita’ di energia elettrica destinata ai clienti del mercato
vincolato dalla stessa serviti e’ effettuata a prescindere dal
disposto della deliberazione n. 118/03; e che, pertanto, la
disciplina posta dalla deliberazione n. 118/03 debba applicarsi a
decorrere dal 1° aprile 2004;
il Gestore della rete ha rappresentato all’Autorita’, con lettera
in data 20 febbraio 2004, prot. GRTN/P2004003962, e, successivamente,
per le vie brevi nel corso di incontri riguardo all’implementazione
della disciplina definita nella deliberazione n. 118/03, che alcune
imprese distributrici non hanno ancora provveduto agli adempimenti
previsti nella sopra richiamata deliberazione;
il Gestore della rete, con lettera in data 30 marzo 2004, prot.
AD/P2004000062 (di seguito: lettera del 30 marzo 2004), nel
confermare il permanere di alcune delle situazioni rappresentate
nella lettera di cui al precedente alinea, ha richiesto all’Autorita’
di differire l’entrata in operativita’ della disciplina della
deliberazione n. 118/03 sino al 1° luglio 2004;
Ritenuto che sia:
necessario sopprimere l’art. 5 e la tabella 10 della
deliberazione n. 46/04 in quanto il prezzo di cessione di cui
all’art. 30 del testo integrato viene determinato al termine di
ciascun mese;
opportuno prevedere che ai fini della determinazione del prezzo
di cessione di cui all’art. 30 del testo integrato, per il periodo
compreso tra la data di avvio del dispacciamento di merito economico
ed il 31 dicembre 2004, il costo unitario sostenuto dall’Acquirente
unico per l’acquisto dell’energia elettrica nel mercato del giorno
prima e nel mercato di aggiustamento sia pari al costo unitario
sostenuto dall’Acquirente unico per il servizio di scambio di cui al
Titolo 2 della deliberazione n. 48/04;
opportuno modificare, in conseguenza della sopravvenuta
imprevista impossibilita’ di attivare la disciplina di cui alla
deliberazione n. 118/03, per il periodo compreso tra il 1° aprile
2004 e il 30 giugno 2004, la modalita’ di calcolo dell’energia
elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato serviti da
un’impresa distributrice di cui all’art. 31 del testo integrato,
atteso che la data del 30 giugno appare essere compatibile con la
risoluzione delle problematiche rappresentate nella lettera 30 marzo
2004;
opportuno modificare la definizione delle variabili rilevanti ai
fini della determinazione dell’ammontare di perequazione dei costi di
approvvigionamento dell’energia elettrica destinata ai clienti del
mercato vincolato, di cui all’art. 43 del testo integrato per il
periodo compreso tra il 1° aprile 2004 e il 30 giugno 2004.
Delibera:
Art. 1.
Diposizioni transitorie in materia di prezzo di cessione dell’energia
elettrica alle imprese distributrici

1.1 Per il periodo compreso tra il 1° aprile 2004 e il 31 dicembre
2004, in deroga a quanto disposto dall’art. 30 del testo integrato
delle disposizioni dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
per l’erogazione dei servizi di trasmissione, distribuzione, misura e
vendita dell’energia elettrica – Periodo di regolazione 2004-2007
approvato con deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e
il gas 30 gennaio 2004, n. 5/04, come successivamente modificato e
integrato (di seguito: testo integrato), il costo unitario sostenuto
dalla societa’ Acquirente unico S.p.a. per l’acquisto dell’energia
elettrica nel mercato del giorno prima e nel mercato di aggiustamento
di cui al comma 29.1, lettera a), punto i), del medesimo articolo e’
assunto pari al costo unitario sostenuto dalla medesima societa’ per
il servizio di scambio di cui ai Titolo 2 dell’allegato A alla
deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
27 marzo 2004, n. 48/04.
1.2 L’art. 5 e la tabella 10 della deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas 27 marzo 2004, n. 46/04, sono soppressi.

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Agrinews.info