DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 Luglio 2007 | Agrinews.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 Luglio 2007

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 Luglio 2007 - Finanziamento dei progetti di ricerca sanitaria presentati da ricercatori di eta' inferiore ai quaranta anni. (GU n. 222 del 24-9-2007 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 Luglio 2007

Finanziamento dei progetti di ricerca sanitaria presentati da
ricercatori di eta’ inferiore ai quaranta anni.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

di concerto con

IL MINISTRO DELLA SALUTE

e

IL MINISTRO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Visto l’art. 12 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e
successive modificazioni, che riserva una quota pari all’uno per
cento del Fondo sanitario nazionale anche al finanziamento delle
attivita’ di ricerca, corrente e finalizzata, in ambito sanitario;
Visto l’art. 12-bis del citato decreto legislativo 30 dicembre
1992, n. 502, e successive modificazioni, che disciplina lo
svolgimento delle attivita’ di ricerca corrente e finalizzata in
ambito sanitario e individua i soggetti che possono concorrere alla
realizzazione dei relativi progetti di ricerca;
Visto l’art. 1, comma 814, della legge 27 dicembre 2006, n. 296
(legge finanziaria 2007), che destina una quota non inferiore al
cinque per cento per il finanziamento delle attivita’ di ricerca
corrente e finalizzata, di cui al predetto art. 12 del decreto
legislativo n. 502/1992, a progetti di ricerca sanitaria presentati
da ricercatori di eta’ inferiore ai quaranta anni;
Considerato che il citato art. 1, comma 814, della citata legge n.
296/2006 demanda l’attuazione della stessa disposizione ad apposito
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il
Ministro della salute e il Ministro dell’universita’ e della ricerca;

Decreta:

Art. 1.

Disponibilita’ economiche

1. Per il finanziamento dei progetti di ricerca sanitaria svolta
dai soggetti di cui all’art. 12-bis, comma 6, del decreto legislativo
30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, presentati da
ricercatori di eta’ inferiore ai quaranta anni, e’ riservata una
quota pari al 5% nell’ambito delle risorse di cui all’autorizzazione
di spesa recata dall’art. 12 del citato decreto legislativo n. 502
del 1992, come determinata dalla tabella C della legge 27 dicembre
2006, n. 296 (finanziaria 2007).
2. Le risorse di cui al comma 1, sono determinate annualmente con
apposito decreto del Ministro della salute.

Art. 2.

Tipologie di ricerca

1. In coerenza con le linee generali del programma della ricerca
sanitaria le proposte dovranno essere ispirate alle priorita’ del VII
Programma Quadro della Unione europea e riguardare le tre principali
tipologie di ricerca:
a) la ricerca Innovativa, intesa a favorire lo sviluppo anche in
fase precoce, di innovazioni attraverso il sostegno a filoni di
ricerca piu’ promettenti nelle aree tematiche che verranno di seguito
specificate. Questa tipologia deve prevedere una forte integrazione
tra gli IRCCS e le regioni e, in particolare, con le Universita’ e le
altre istituzioni di eccellenza;
b) la ricerca Valutativa, di trasferimento dell’innovazione per
il governo clinico e per l’ottimizzazione della
dimensione-organizzativa dei servizi. Questa tipologia sara’ di
interesse precipuo delle regioni, che dovranno ricercare attivamente
le competenze degli IRCCS, delle Universita’ e di altre istituzioni
pubbliche e private non profit con documentata esperienza nel campo
della Health Services Research e del Health Technology Assessment in
Italia;
c) la ricerca Orientata ad acquisire conoscenze e fornire
soluzioni innovative, per le questioni socio-sanitarie emergenti,
anche coinvolgendo attivamente nella ricerca le nuove professioni
sanitarie.

Art. 3.

Modalita’ di esecuzione del programma

1. Ai fini dell’attuazione di quanto disposto dall’art. 1 il
Ministero della salute emana un bando pubblico per invitare i giovani
ricercatori di eta’ inferiore a quaranta anni a presentare progetti
di ricerca per l’anno 2007. Detto bando sara’ predisposto dalla
Commissione nazionale per la ricerca sanitaria.
2. I progetti selezionati sono resi esecutivi in base a convenzioni
tra il Ministero della salute e i destinatari di cui all’art. 12-bis
del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive
modificazioni, come individuati dall’art. 4 del presente decreto.

Art. 4.

Destinatari e requisiti di ammissione

1. I destinatari sono ricercatori in servizio, anche a tempo
determinato, presso gli enti di cui all’art. 12-bis, comma 6, del
decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive
modificazioni, nonche’ presso universita’ e istituzioni di ricerca
pubbliche e private, che alla data di scadenza del bando di cui
all’art. 3 non abbiano compiuto il quarantesimo anno di eta’.
2. Agli effetti del presente decreto si intendono per ricercatori:
a) i tecnologi, i ricercatori, i primi ricercatori e i dirigenti
di ricerca degli enti pubblici di ricerca, ivi compresi gli enti
contemplati dall’art. 12-bis, comma 6, del decreto legislativo
30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni;
b) i professori e i ricercatori universitari;
c) i titolari degli assegni di ricerca e dei contratti di
ricerca, di cui all’art. 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997,
n. 449;
d) i ricercatori operanti nel settore delle imprese private e per
i quali l’impresa di appartenenza ne attesti la qualifica
professionale rivestita e assuma gli impegni di cui al comma 3;
e) i titolari di contratti di collaborazione coordinata e
continuativa per l’espletamento di attivita’ di ricerca presso gli
enti di cui alle lettere precedenti.
3. I progetti possono essere presentati solo da ricercatori
integrati o esterni rispetto alle istituzioni e alle imprese sopra
elencate, con posizioni a tempo sia indeterminato che determinato,
purche’ esista un ente o impresa ospite che si impegni formalmente a
sostenere il ricercatore per tutta la durata del progetto,
assicurandogli il necessario supporto tecnico e logistico.
4. Ogni ricercatore proponente puo’ presentare una sola domanda di
finanziamento come “Principal Investigator”.

Art. 5.

Comitato di valutazione

1. La responsabilita’ della valutazione delle proposte e’ rimessa
al Comitato di cui all’art. 1, comma 814, della legge 27 dicembre
2006, n. 296.
2. Il Comitato di cui al comma 1, nominato con decreto del Ministro
della salute, e’ composto da dieci ricercatori, di nazionalita’
italiana o straniera, di eta’ inferiore ai quaranta anni, operanti,
almeno per la meta’, presso istituzioni ed enti di ricerca non
italiani e riconosciuti di livello eccellente sulla base di indici
bibliometrici, quali l’impact factor e il citation index. Due
componenti del Comitato sono nominati su designazione del Ministro
dell’universita’ e della ricerca.
3. Il Comitato e’ presieduto da un presidente scelto dal Ministro
della salute, tra personalita’ di chiara fama nel mondo scientifico.
4. Nel processo di valutazione i membri del Comitato possono
avvalersi della collaborazione di esperti nelle singole aree
tematiche, che esprimono la loro opinione in modo indipendente e
anonimo, secondo il metodo del peer review.
5. Il presidente, i componenti del Comitato, nonche’ gli eventuali
esperti nelle singole aree tematiche debbono essere di eta’ inferiore
ai quaranta anni. In sede di decisione finale all’esito del processo
di valutazione, prevale, in caso di parita’, il voto del presidente
del Comitato.
6. Gli appartenenti al Comitato di valutazione:
a) non possono presentare proposte di ricerca nell’ambito del
bando di cui all’art. 3;
b) non possono comparire come partecipanti ai progetti;
c) devono astenersi dalle valutazioni dei progetti proposti da
ricercatori con i quali sia in atto o sia stata svolta una
documentata collaborazione scientifica.

Art. 6.

Spese di funzionamento

1. Per la costituzione e il funzionamento del Comitato di
valutazione di cui all’art. 5, sono utilizzate le risorse
disponibili, pari a 100.000,00 euro per l’esercizio finanziario 2007,
previste dall’unita’ previsionale di base 3.1.1.0, capitolo 3125,
art. 6, del Ministero della salute.

Art. 7.

Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 27 luglio 2007

Il Presidente del Consiglio dei Ministri
Prodi

Il Ministro della salute
Turco

Il Ministro dell’universita’ e della ricerca
Mussi

Registrato alla Corte dei conti il 5 settembre 2007
Ministeri istituzionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri,
registro n. 9, foglio n. 273

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 Luglio 2007

Agrinews.info