DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 Dicembre 2005, n. 301 - Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996, n. 567, concernente la disciplina delle iniziative complementari e delle attivita' integrative nelle istituzioni scolastiche. (GU n. 45 del 23-2-2006 | Agrinews.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 Dicembre 2005, n. 301 – Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996, n. 567, concernente la disciplina delle iniziative complementari e delle attivita’ integrative nelle istituzioni scolastiche. (GU n. 45 del 23-2-2006

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 Dicembre 2005, n. 301 - Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996, n. 567, concernente la disciplina delle iniziative complementari e delle attivita' integrative nelle istituzioni scolastiche. (GU n. 45 del 23-2-2006 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 Dicembre 2005 , n. 301

Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del
Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996, n. 567, concernente la
disciplina delle iniziative complementari e delle attivita’
integrative nelle istituzioni scolastiche.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’articolo 87 della Costituzione;
Visto l’articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in
materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado,
di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297;
Visto l’articolo 3 del decreto-legge 20 giugno 1996, n. 323,
convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1996, n. 425 e,
in particolare, il comma 5-bis;
Vista la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante l’istituzione del
Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e
per gli interventi perequativi;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996,
n. 567, come modificato dal decreto del Presidente della Repubblica
9 aprile 1999, n. 156, e dal decreto del Presidente della Repubblica
13 febbraio 2001, n. 105, concernente il regolamento delle iniziative
complementari e delle attivita’ integrative nelle istituzioni
scolastiche;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n.
275, recante le norme in materia di autonomia delle istituzioni
scolastiche;
Visto il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari
in materia di documentazione amministrativa di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, come modificato
dall’articolo 15 della legge 16 gennaio 2003, n. 3;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 agosto 2003, n.
319, recante il regolamento di organizzazione del Ministero
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca;
Ritenuta la necessita’ di apportare ulteriori modificazioni e
integrazioni al citato decreto del Presidente della Repubblica
10 ottobre 1996, n. 567, in particolare per quanto concerne la
regolamentazione dei requisiti di partecipazione e delle procedure di
ammissione delle associazioni studentesche e delle associazioni dei
genitori ai forum nazionali, la possibile istituzione di forum a
livello regionale, la copertura finanziaria dei relativi oneri di
funzionamento, nonche’ il ripristino dei termini originari stabiliti
dal decreto del Presidente della Repubblica 9 aprile 1999, n. 156,
per l’espletamento delle operazioni elettorali di rinnovo delle
consulte provinciali degli studenti;
Udito il parere del Consiglio nazionale della pubblica istruzione,
espresso nell’adunanza dell’11 settembre 2002;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nella adunanza del
23 giugno 2003;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 20 novembre 2003;
Visto il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo
Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
espresso nella riunione del 30 giugno 2005;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 24 novembre 2005;
Sulla proposta del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca;

E m a n a
il seguente regolamento:

Art. 1.
1. Nell’articolo 2-bis del decreto del Presidente della Repubblica
10 ottobre 1996, n. 567, e successive modificazioni, di seguito
denominato: «regolamento», e’ inserita la seguente rubrica:
«(Assistenza medica)».

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.
Note alle premesse:
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi ed emanare i decreti aventi valore di legge e i
regolamenti.
– Si riporta il testo dell’art. 17, comma 1, della
legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri):
«Art. 17 (Regolamenti). – 1. Con decreto del Presidente
della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei
Ministri, sentito il parere del Consiglio di Stato che deve
pronunziarsi entro novanta giorni dalla richiesta, possono
essere emanati regolamenti per disciplinare:
a) l’esecuzione delle leggi e dei decreti
legislativi, nonche’ dei regolamenti comunitari;
b) l’attuazione e l’integrazione delle leggi e dei
decreti legislativi recanti norme di principio, esclusi
quelli relativi a materie riservate alla competenza
regionale;
c) le materie in cui manchi la disciplina da parte di
leggi o di atti aventi forza di legge, sempre che non si
tratti di materie comunque riservate alla legge;
d) l’organizzazione ed il funzionamento delle
amministrazioni pubbliche secondo le disposizioni dettate
dalla legge;
e) l’organizzazione del lavoro ed i rapporti di
lavoro dei pubblici dipendenti in base agli accordi
sindacali.».
– Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, reca:
«Approvazione del testo unico delle disposizioni
legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle
scuole di ogni ordine e grado».
– Si riporta il testo dell’art. 3 del decreto-legge
20 giugno 1996, n. 323, recante disposizioni urgenti per il
risanamento della finanza pubblica, convertito, con
modificazioni, dalla legge 8 agosto 1996, n. 425:
«Art. 3 (Riduzione stanziamenti e blocco impegni). –
1.-4. (Omissis).
5. Lo stanziamento del capitolo n. 1292 dello stato di
previsione del Ministero della pubblica istruzione relativo
al fondo per le esigenze di formazione del personale e di
potenziamento e funzionamento di scuole e uffici
dell’amministrazione scolastica, e’ ridotto di lire 50
miliardi per l’anno 1996, di lire 220 miliardi per l’anno
1997 e di lire 90 miliardi per l’anno 1998. Una quota dello
stanziamento del suddetto capitolo, per l’anno 1996, pari a
lire 40 miliardi, e’ assegnata ai capitoli dello stato di
previsione della spesa del Ministero della pubblica
istruzione riguardanti le spese di funzionamento
amministrativo e didattico delle scuole secondarie
superiori.
5-bis. Con regolamento governativo, da emanarsi ai
sensi dell’art. 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e
successive modificazioni, e’ disciplinata la materia
prevista dalla direttiva del Ministro della pubblica
istruzione 3 aprile 1996, n. 133. Il finanziamento di cui
al comma 5 e’ finalizzato all’attuazione del predetto
regolamento.
6.-13-bis. (Omissis)».
– La legge 18 dicembre 1997, n. 440, reca: «Istituzione
del Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta
formativa e per gli interventi perequativi».
– Il decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre
1996, n. 567, reca: «Regolamento recante la disciplina
delle iniziative complementari e delle attivita’
integrative nelle istituzioni scolastiche».
– Il decreto del Presidente della Repubblica 9 aprile
1999, n. 156, reca: «Regolamento recante modifiche ed
integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica
10 ottobre 1996, n. 567, concernente la disciplina delle
iniziative complementari e delle attivita’ integrative
nelle istituzioni scolastiche».
– Il decreto del Presidente della Repubblica
13 febbraio 2001, n. 105, reca: «Regolamento recante
ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto del
Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996, n. 567,
concernente la disciplina delle iniziative complementari e
delle attivita’ integrative nelle istituzioni scolastiche».
– Il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo
1999, n. 275, reca: «Regolamento recante norme in materia
di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi
dell’art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59».
– Il decreto del Presidente …

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 Dicembre 2005, n. 301 – Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1996, n. 567, concernente la disciplina delle iniziative complementari e delle attivita’ integrative nelle istituzioni scolastiche. (GU n. 45 del 23-2-2006

Agrinews.info