MINISTERO DEI TRASPORTI - DECRETO 10 aprile 2007 | Agrinews.info

MINISTERO DEI TRASPORTI – DECRETO 10 aprile 2007

MINISTERO DEI TRASPORTI - DECRETO 10 aprile 2007 - Aggiornamento dell'Appendice B del decreto 22 luglio 1991, recante norme di sicurezza per il trasporto marittimo alla rinfusa di carichi solidi. (GU n. 101 del 3-5-2007)

MINISTERO DEI TRASPORTI

DECRETO 10 aprile 2007

Aggiornamento dell’Appendice B del decreto 22 luglio 1991, recante
norme di sicurezza per il trasporto marittimo alla rinfusa di carichi
solidi.

IL COMANDANTE GENERALE
del Corpo delle capitanerie di porto

Vista la legge 5 giugno 1962, n. 616, sulla sicurezza della
navigazione e della vita umana in mare;
Vista legge 28 gennaio 1994, n. 84, e successive modificazioni,
recante riordino della legislazione in materia portuale, ed in
particolare l’art. 3 che attribuisce la competenza in materia di
sicurezza della navigazione al Comando generale del Corpo delle
capitanerie di porto;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante norme
generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche ed in particolare l’art. 4 relativo alle
attribuzioni dei dirigenti;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 2 luglio 2004, n.
184, recante riorganizzazione del Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti ed in particolare l’art. 8 relativo alle attribuzioni
del Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto;
Vista la legge 17 luglio 2006, n. 233, recante conversione in
legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181,
recante disposizioni urgenti in materia di riordino delle
attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei
Ministeri. Delega al Governo per il coordinamento delle disposizioni
in materia di funzioni e organizzazione della Presidenza del
Consiglio dei Ministri e dei Ministeri;
Visto il decreto del Ministro della marina mercantile 22 luglio
1991, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.
240 del 12 ottobre 1991, recante norme di sicurezza per il trasporto
marittimo alla rinfusa di carichi solidi;
Considerata la necessita’ di aggiornare l’elenco dei materiali
compresi nell’Appendice B del succitato decreto;

Decreta:

Articolo unico

1. Il materiale elencato nella tabella allegata al presente decreto
e’ inserito nell’Appendice B del decreto del Ministro della marina
mercantile 22 luglio 1991, recante norme di sicurezza per il
trasporto marittimo alla rinfusa di carichi solidi.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 10 aprile 2007
Il comandante generale: Dassatti

Allegato

FRAMMENTI DI GUSCI DI SEMI DI PALMA
(palm kernel shells o palm nut shells)

Descrizione.
Frammenti di gusci di semi di palma. Possono essere presenti
anche gusci interi e semi liberi.
Il contenuto di umidita’ e’ variabile e puo’ arrivare al 30%
circa. Viene utilizzato principalmente come combustibile.

Caratteristiche.
=====================================================================
Angolo di riposo |Peso specifico (kg/m3) |Fattore di stivaggio (m3/t)
=====================================================================
Non applicabile |610-630 |1,58-1,64

=====================================================================
Dimensione | Classe | Appendice
=====================================================================
Inf. a 3 cm appross. | MHB | B

Pericoli.

Il carico puo’ essere soggetto ad ossidazione, provocando un
impoverimento del contenuto di ossigeno all’interno delle stive ed
una crescita del tenore di anidride carbonica e monossido di carbonio
negli spazi del carico ed in quelli adiacenti. Il carico puo’ dare
luogo a fenomeni di fermentazione che possono condurre alla
combustione spontanea del carico. I fenomeni di fermentazione possono
anche comportare la formazione di gas asfissianti ed infiammabili.
Se il contenuto di umidita’ e’ pari o superiore al 15% il carico
ha un basso rischio di incendio. Quando il contenuto di umidita’
diminuisce il rischio di incendio aumenta.
La movimentazione del carico avente un basso contenuto di
umidita’ puo’ produrre spolverio. Puo’ verificarsi, dunque, un
rischio di esplosione ad alte concentrazioni delle polveri.
Stivaggio e segregazione.
Segregazione come per i materiali di classe 4.1.

Pulizia delle stive.
Stive pulite ed asciutte senza la presenza di residui dei carichi
precedenti.

Precauzioni per le condizioni atmosferiche.
Nessuna precauzione particolare.

Caricazione.
Distribuire il carico in accordo con le informazioni prescritte
dalla regola VI/2 della SOLAS. Se vi siano dei dubbi, distribuire il
carico in maniera ragionevolmente uniforme verso le pareti dello
spazio del carico in modo da minimizzare i rischi di scivolamento ed
assicurare una adeguata stabilita’ durante tutto il viaggio.

Precauzioni.
L’accesso del personale agli spazi del carico non dovra’ essere
consentito fino a quando non sia stato verificato che il tenore di
ossigeno e’ tornato a livelli normali.
In caso di condizioni atmosferiche molto secche, la polvere del
carico caduta sul ponte puo’ seccare rapidamente e puo’ essere
facilmente incendiata. Dovranno essere adottate misure adeguate a
prevenire il verificarsi dell’incendio.

Ventilazione.
Vedere precauzioni.
Trasporto.
Nessuna precauzione particolare.

Scaricazione.
Vedere precauzioni.

Pulizia.
Nessuna precauzione particolare.

MINISTERO DEI TRASPORTI – DECRETO 10 aprile 2007

Agrinews.info