MINISTERO DELLA SALUTE - ORDINANZA 28 marzo 2007 | Agrinews.info

MINISTERO DELLA SALUTE – ORDINANZA 28 marzo 2007

MINISTERO DELLA SALUTE - ORDINANZA 28 marzo 2007 - Modifica all'ordinanza 12 dicembre 2006 «Tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione di cani». (GU n. 104 del 7-5-2007)

MINISTERO DELLA SALUTE

ORDINANZA 28 marzo 2007

Modifica all’ordinanza 12 dicembre 2006 «Tutela dell’incolumita’
pubblica dall’aggressione di cani».

IL MINISTRO DELLA SALUTE
Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto
del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320;
Visto l’art. 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833;
Visto l’art. 10 della Convenzione europea per la protezione degli
animali da compagnia, approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987,
firmata anche dall’Italia;
Vista la legge 14 agosto 1991, n. 281, legge quadro in materia di
animali d’affezione e prevenzione del randagismo, in particolare
all’art. 1 che stabilisce che lo Stato promuove e disciplina la
tutela degli animali d’affezione, condanna gli atti di crudelta’
contro di essi e favorisce la corretta convivenza tra uomo ed
animale;
Ritenuta la necessita’ e l’urgenza di adottare, in attesa
dell’emanazione di una disciplina normativa organica in materia,
disposizioni cautelari a tutela della salute pubblica;
Vista l’ordinanza 12 dicembre 2006 «Tutela dell’incolumita’
pubblica dall’aggressione di cani»;
Considerato che il taglio della coda dei cani se eseguito
precocemente da un medico veterinario non comporta eccessive
sofferenze all’animale, si possono parzialmente accogliere le
richieste rappresentate dall’Ente nazionale della cinofilia italiana
(ENCI) per una deroga al divieto di cui all’art. 1, comma 1,
lettera e), punto i) dell’ordinanza 12 dicembre 2006, sino
all’emanazione di una legge di divieto generale specifica in materia;
Tenuto conto delle motivazioni avanzate dallo stesso ENCI circa il
mantenimento della variabilita’ genetica, la deroga al divieto
riguarda esclusivamente le razze canine riconosciute dalla F.C.I. con
caudotomia prevista dallo standard;
Considerato che il riferimento all’art. 2, comma 6, legge 14 agosto
1991, n. 281, puo’ indurre ad una non corretta interpretazione
dell’art. 5, comma 5, dell’ordinanza 12 dicembre 2006;
Ordina:
Art. 1.
L’ordinanza 12 dicembre 2006 «tutela dell’incolumita’ pubblica
dall’aggressione di cani» e’ modificata nel modo seguente:
1. all’art. 1, comma 1, lettera e), punto i) dopo la parola
«coda» e’ inserita la seguente frase «fatta eccezione per i cani
appartenenti alle razze canine riconosciute dalla F.C.I. con
caudotomia prevista dallo standard, sino all’emanazione di una legge
di divieto generale specifica in materia. Il taglio della coda, ove
consentito, deve essere eseguito da un medico veterinario entro la
prima settimana di vita»;
2. all’art. 5, comma 5 e’ eliminata la frase «ivi compresa la
valutazione ai sensi dell’art. 2, comma 6, legge 14 agosto 1991, n.
281».
La presente ordinanza e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, entra in vigore il giorno successivo alla data
della sua pubblicazione ed ha efficacia sino al 13 gennaio 2008.
Roma, 28 marzo 2007
Il Ministro: Turco

Registrato alla Corte dei conti il 3 maggio 2007
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 2, foglio n. 133

MINISTERO DELLA SALUTE – ORDINANZA 28 marzo 2007

Agrinews.info