MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO | Agrinews.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO - DECRETO 5 aprile 2004: Approvazione dello statuto del «Consorzio obbligatorio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali e animali esausti». (GU n. 94 del 22-4-2004)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

DECRETO 5 aprile 2004

Approvazione dello statuto del «Consorzio obbligatorio nazionale di
raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali e animali
esausti».

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO
e
IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, recante
«Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui
rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di
imballaggio», e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto, in particolare, l’art. 47 del suddetto decreto legislativo,
che prevede la costituzione del «Consorzio obbligatorio nazionale di
raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali e animali,
esausti», di seguito denominato Consorzio;
Visto il decreto dei Ministri dell’ambiente e dell’industria, del
commercio e dell’artigianato, in data 15 luglio 1998, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 1998, n. 187, con il quale e’
stato approvato lo statuto del Consorzio;
Considerato che l’assemblea dei soci del Consorzio, tenutasi in
data 6 aprile 2003, ha deliberato all’unanimita’ di approvare un
nuovo statuto del Consorzio;
Vista la nota del 27 gennaio 2004 del Presidente del Consorzio, con
la quale il Consorzio ha trasmesso il nuovo statuto, ai fini della
sua approvazione;
Ritenuto, pertanto, di poter procedere all’approvazione dello
statuto nella sua nuova formulazione;
Decreta:
Art. 1.
1. E’ approvato lo statuto del «Consorzio obbligatorio nazionale di
raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali e animali,
esausti», allegato al presente decreto.
2. Il presente decreto sara’ inviato alla Gazzetta Ufficiale per la
pubblicazione.

Roma, 5 aprile 2004

Il Ministro dell’ambiente
e della tutela del territorio
Matteoli

Il Ministro delle attività produttive
Marzano

Allegato
STATUTO DEL CONSORZIO OBBLIGATORIO NAZIONALE DI RACCOLTA E
TRATTAMENTO OLI E GRASSI VEGETALI ED ANIMALI ESAUSTI
Titolo I
STRUTTURA ED ATTIVITA’ DEL CONSORZIO
Art. 1.
Costituzione del Consorzio
1. E’ costituito il «Consorzio obbligatorio nazionale di raccolta
e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali, esausti»,
in appresso denominato «Consorzio», ai sensi dell’art. 47 del decreto
legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e sue successive integrazioni e
modificazioni. Il Consorzio non ha scopo di lucro ed ha personalita’
giuridica di diritto privato.
Art. 2.
Sede e durata
1. Il Consorzio ha sede legale in Roma e sede operativa a Milano.
Il Consorzio ha durata illimitata e comunque connessa alla permanenza
dei presupposti normativi per la sua costituzione.
Art. 3.
Oggetto e finalita’
1. Il Consorzio assicura e promuove su tutto il territorio
nazionale:
a) la raccolta, il trasporto, lo stoccaggio, il trattamento, il
recupero ed il riutilizzo di oli e grassi vegetali ed animali esausti
fatti salvi i rifiuti animali disciplinati dal decreto legislativo
14 dicembre 1992, n. 508, e successive modificazioni;
b) lo smaltimento, nel rispetto delle disposizioni vigenti in
materia di inquinamento, degli oli e dei grassi vegetali ed animali
esausti dei quali non sia possibile o conveniente il recupero;
c) lo svolgimento di indagini di mercato e studi di settore al
fine di migliorare, economicamente e tecnicamente, il ciclo di
raccolta, trasporto, stoccaggio, trattamento e riutilizzo degli oli e
grassi vegetali ed animali esausti.
2. Il Consorzio, nell’esplicazione dei compiti e per il
perseguimento di fini consortili e’ legittimato a porre in essere
tutti gli atti e concludere tutte le operazioni di natura mobiliare,
immobiliare e finanziaria, necessari od utili alla realizzazione
degli scopi consortili e comunque direttamente o indirettamente
connessi all’attivita’ consortile.
3. Il Consorzio ha la facolta’ di stipulare accordi con soggetti
pubblici e privati ai fini dell’attivita’ consortile.
4. Il Consorzio nel perseguire i propri fini istituzionali si
uniforma a criteri di trasparenza, efficienza, efficacia ed
economicita’, provvedendo ad affidare gli incarichi di raccolta,
trasporto e recupero ad imprese autorizzate ai sensi della vigente
normativa, senza creare discriminazioni sul mercato od ostacolare la
concorrenza. Gli incarichi di cui sopra saranno affidati in base ai
requisiti e alle norme individuate ed approvate dal consiglio di
amministrazione. Fino alla definizione delle convenzioni, le
attivita’ di raccolta, trasporto, riciclo e recupero continuano ad
essere svolte dalle imprese consorziate e debitamente autorizzate ai
sensi del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e successive
modifiche ed integrazioni.
4-bis. Ai sensi di quanto previsto dal comma 11 dell’art. 47
decreto legislativo n. 22/1997 e’ fatta salva comunque la facolta’
per il detentore di conferire gli oli e grassi esausti anche ad
operatori di altri Stati membri della Comunita’ europea, in regola
con le specifiche autorizzazioni dei relativi Paesi e dietro rilascio
di dichiarazione attestante la destinazione al trattamento,
riutilizzo o recupero degli oli e grassi esausti nello stato membro
di destinazione nel rispetto delle norme vigenti.
5. Il Consorzio puo’ strutturarsi in articolazioni regionali e
interregionali e puo’ svolgere le attivita’ di cui al presente
articolo attraverso soggetti terzi sulla base di apposite
convenzioni. Il Consorzio puo’ stipulare, anche ai sensi dell’art. 25
del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e successive
modifiche e integrazioni specifici accordi e/o apposite convenzioni
con:
a) il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e
il ministero delle attivita’ produttive;
b) i comuni, le comunita’ montane e i loro consorzi, aziende
municipalizzate, loro concessionari, enti pubblici e privati,
regioni;
c) consorzi, societa’, enti ed istituti di ricerca incaricati
dello svolgimento di attivita’ a contenuto tecnico, tecnologico o
finanziario, comprese tra i fini istituzionali.
6. Al fine di migliorare la razionalizzazione ed organizzazione
delle proprie funzioni, nonche’ al fine di ottimizzare le forme di
conferimento, raccolta e trasporto dei rifiuti oggetto dell’attivita’
del Consorzio, lo stesso svolge tutte le attivita’ anche
complementari o sussidiarie direttamente o indirettamente coordinate
e/o comunque connesse compresa l’assunzione di iniziative atte a
sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della raccolta e del
recupero degli oli e grassi vegetali ed animali esausti. Pone in
essere tutti gli atti di attuazione e/o applicazione previsti dal
decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e successive modifiche e
integrazioni e dalle altre norme primarie e secondarie direttamente o
indirettamente attinenti.
7. Il Consorzio e’ soggetto passivo del diritto di accesso alle
informazioni ai sensi del decreto legislativo 24 febbraio 1997, n.
39, di attuazione della direttiva 90/313/CE.
8. Nel perseguimento delle sue attivita’ istituzionali il
Consorzio si astiene da qualunque atto, attivita’ o iniziativa
suscettibile di impedire, restringere o falsare la concorrenza in
ambito nazionale e comunitario. In particolare, fermo restando quanto
previsto dall’art. 47, comma 11, del decreto legislativo 5 febbraio
1997, n. 22, e’ fatto assoluto divieto al Consorzio ed ai consorziati
di ostacolare o impedire lo svolgimento di attivita’ economiche e di
gestione degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti e
regolarmente autorizzate ai sensi del predetto decreto legislativo e
successive modifiche ed integrazioni.
Art. 4.
Soci del Consorzio
1. Partecipano al Consorzio:
a) le imprese che producono, importano o detengono oli e grassi
vegetali ed animali esausti;
b) le imprese che riciclano e recuperano oli e grassi vegetali
ed animali esausti, anche con eventuale riutilizzo degli stessi oli
rigenerati;
c) le associazioni nazionali di categoria delle imprese che
effettuano la raccolta, il trasporto e lo stoccaggio di oli e grassi
vegetali, e animali esausti.
Possono partecipare:
d) le imprese che producono o importano oli e grassi animali e
vegetali per uso alimentare che vengono immessi confezionati sul
mercato nazionale ovvero cedono alle imprese oli e grassi animali e
vegetali che vengono utilizzati come ingredienti di prodotti
composti.
2. Le imprese di cui sopra possono partecipare al Consorzio
tramite le loro associazioni di categoria maggiormente
rappresentative a livello nazionale. Tali associazioni, comprese
quelle di cui alla lettera c), aderiscono esclusivamente in nome e
per conto delle imprese ad esse associate, pertanto tutte le
conseguenze economiche e giuridiche gravano esclusivamente sulle
imprese rappresentate.
Art. 5.
Quote di partecipazione al Consorzio
1. I consorziati sono distinti nelle seguenti categorie di
appartenenza:
a) produttori…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

Agrinews.info