MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 5 Luglio 2007 | Agrinews.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 5 Luglio 2007

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 5 Luglio 2007 - Elenco delle zone di protezione speciale (ZPS) classificate ai sensi della direttiva 79/409/CEE. (GU n. 170 del 24-7-2007 - Suppl. Ordinario n.167)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DECRETO 5 Luglio 2007

Elenco delle zone di protezione speciale (ZPS) classificate ai
sensi della direttiva 79/409/CEE.

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Vista la direttiva 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979,
concernente la conservazione degli uccelli selvatici;
Vista la direttiva 92/43/CEE del Consiglio del 21 maggio 1992,
relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali,
nonche’ della flora e della fauna selvatiche;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997,
n. 357, “Regolamento recante l’attuazione della direttiva n.
92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e
seminaturali nonche’ della flora e della fauna selvatiche”;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente 20 gennaio 1999,
“Modificazioni agli allegati A e B del decreto del Presidente della
Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, in attuazione della direttiva
97/62/CEE del Consiglio, recante adeguamento al processo tecnico e
scientifico della direttiva 92/43/CEE”;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 marzo 2003, n.
120, “Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del
Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, concernente
attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione
degli habitat naturali e seminaturali, nonche’ della flora e fauna
selvatiche”;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio 25 marzo 2005, recante “Elenco delle Zone di protezione
speciale (ZPS) classificate ai sensi della direttiva 79/409/CEE”;
Vista la nota della Rappresentanza permanente d’Italia presso
l’Unione europea n. 15191 del 22 dicembre 2004, avente ad oggetto
“Procedura d’infrazione 1993/2165 ex art. 228 Trattato: sentenza
della Corte di giustizia nella causa C-378/01 Designazione di nuove
ZPS”;
Vista la nota della Direzione per la protezione della natura del
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio del 14 gennaio
2005, prot. DPN/VD/2005/632, avente ad oggetto “Esecuzione della
sentenza di condanna 20 marzo 2003, causa C-378/01 per insufficiente
classificazione di nuove ZPS in attuazione della direttiva n. 79/409
Parere motivato”;
Vista la nota della Direzione per la protezione della natura del
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio del 23 febbraio
2005, prot. DPN/VD/2005/4330, avente ad oggetto “Procedura
d’infrazione 1993/2165 ex art. 228 Trattato CE – Richiesta nuove
classificazioni ZPS secondo quanto riportato in allegato IV del
parere motivato della Commissione europea”;
Vista la nota della Direzione per la protezione della natura del
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio del 6 giugno
2005, prot. DPN/VD/2005/14150, con la quale si trasmettono per il
successivo inoltro alla Commissione europea le nuove aree
classificate come zone di protezione speciale dalle regioni Abruzzo,
Campania, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Molise, Sardegna,
Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto;
Vista la nota della Direzione per la protezione della natura del
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio del 13 dicembre
2005, prot. DPN/5D/2005/32338, con la quale si trasmettono per
l’inoltro alla Commissione europea le nuove aree classificate come
zone di protezione speciale dalle regioni Calabria, Lazio, Veneto e
dalla provincia autonoma di Bolzano;
Vista la nota Direzione per la protezione della natura del
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare del
31 ottobre 2006, prot. DPN/5D/2006/27901, con la quale si provvede
all’inoltro definitivo alla Commissione europea delle nuove aree
classificate come zone di protezione speciale;
Vista la deliberazione della Giunta regionale dell’Abruzzo n. 336
del 21 marzo 2005, avente ad oggetto “decreto del Presidente della
Repubblica 8 settembre 1997, n. 357 e successive modificazioni ed
integrazioni: designazione del comprensorio dei Monti Simbruini ed
Ernici come zona di protezione speciale”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale dell’Abruzzo n. 642
del 12 luglio 2005, avente ad oggetto: “Deliberazione della Giunta
regionale n. 336 del 21 marzo 2005. Denominazione della zona di
protezione speciale”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Basilicata n.
590 del 14 marzo 2005, avente ad oggetto: “Individuazione e richiesta
di designazione di nuove zone a protezione speciale – ZPS”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Calabria n. 607
del 25 giugno 2005, recante “Revisione del sistema regionale delle
ZPS (Direttiva 79/409/CEE “Uccelli”, recante “conservazione
dell’avifauna selvatica” e Direttiva 92/43/CEE “Habitat” relativa
alla “conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonche’
della flora e della fauna selvatiche”) – Adempimenti”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Campania n.
2086 del 17 novembre 2004, recante “Segnalazione Zona di protezione
speciale Le Mortine”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Campania n.
2087 del 17 novembre 2004, recante “Lago di Conza della Campania
ampliamento della perimetrazione ZPS e pSIC”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Campania n.
2203 del 3 dicembre 2004, recante “Completamento delle Important Bird
Areas in Zone di protezione speciale”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna
n. 167 del 13 febbraio 2006, recante “Aggiornamento dell’elenco e
della perimetrazione delle aree della regione Emilia-Romagna
designate come siti di importanza comunitaria (SIC) e come zone di
protezione speciale (ZPS) ai sensi delle direttive 92/43/CEE e
79/409/CEE”;
Vista la deliberazione Giunta regionale Emilia-Romagna n. 456 del
3 aprile 2006, recante “Modifica dell’elenco aggiornato e della nuova
perimetrazione delle aree della regione Emilia Romagna designate o da
designare come SIC (Siti di importanza comunitaria) e ZPS (Zone di
protezione speciale) ai sensi della direttiva 92/43/CEE”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Friuli-Venezia
Giulia del 10 febbraio 2006, n. 228, recante: “Rete Natura 2000
attuazione della direttiva 92/43/Cee “Habitat” e direttiva 79/409/CEE
“Uccelli” individuazione del sito di importanza comunitaria e zona di
protezione speciale: IT334006 Carso Triestino e Goriziano”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Friuli-Venezia
Giulia del 21 luglio 2006, n. 1723, recante “Direttiva 92/43/CEE,
Direttiva 79/409/CEE: aggiornamento Rete Natura 2000”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Lazio n. 651 del
19 luglio 2005, recante “Direttive 92/43/CEE, relativa alla
conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e
della fauna selvatiche, e 79/409/CEE, concernente la conservazione
degli uccelli selvatici decreto del Presidente della Repubblica
8 settembre 1997, n. 357 e successive modificazioni ed integrazioni
di attuazione della direttiva 92/43/CEE. Adozione delle delimitazioni
dei proposti SIC (Siti di importanza comunitaria) e delle ZPS (Zone
di protezione speciale) – Integrazione deliberazione della Giunta
regionale 19 marzo 1996, n. 2146”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Lombardia del
25 gennaio 2006, n. 8/1791, recante “Rete Europea Natura 2000:
individuazione degli enti gestori di 40 Zone di protezione speciale
(ZPS) e delle misure di conservazione transitorie per le ZPS e
definizione delle procedure per l’adozione e l’approvazione dei piani
di gestione dei siti”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Lombardia
dell’8 febbraio 2006, n. 8/1876, recante “Rete Natura 2000 in
Lombardia: trasmissione al Ministero dell’ambiente della proposta di
aggiornamento della banca dati, istituzione di nuovi siti e
modificazione del perimetro dei siti gia’ esistenti”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Lombardia del
5 aprile 2006, n. 8/2300, recante “Rete Natura 2000 in Lombardia:
trasmissione al Ministero dell’ambiente della proposta di
aggiornamento della banca dati, istituzione di nuovi siti e
modificazione del perimetro dei siti esistenti, (d.g.r. n. 8/1876 del
2006): integrazione e rettifica”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Lombardia
11 maggio 2006, n. 8/2486, recante “Parziale rettifica alla d.g.r. n.
8/1876 dell’8 febbraio 2006 Rete Natura 2000 in Lombardia:
trasmissione al Ministero dell’ambiente della proposta di
aggiornamento della banca dati, istituzione di nuovi siti e
modificazione del perimetro dei siti esistenti”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale delle Marche n. 111
del 30 gennaio 2006 recante “Unione europea Direttiva 92/43/CEE
(Habitat) – Decisione Commissione europea del 7 dicembre 2004 –
decreto del Presidente della Repubblica n. 357/1997 – Risoluzione
insufficienze”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Molise n. 347 del
4 aprile 2005, recante “Direttiva Uccelli n. 79/409 – Designazione di
nuove ZPS”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale del Piemonte n.
76-2950 del 22 maggio 2006, recante “Procedura d’infrazione 1993/2165
ex art. 228 del Trattato. Sentenza della Corte di giustizia nella
causa C-378/01. Individuazione del nuovo sistema di Zone di
protezione speciale ZPS della Regione Piemonte in attuazione della
direttiva 79/409/CEE “Uccelli selvatici”. Abrogazione della D.G.R. n.
37-28804 del 29 novembre 1999″;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Puglia n. 1022
del 21 luglio 2005, recante “Classificazione di ulteriori Zone di
protezione speciale in attuazione della direttiva 79/409/CEE ed in
esecuzione della sentenza della Corte di giustizia della Comunita’
europea del 20 marzo 2003 causa C-378/01”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Sardegna n.
52/19 del 15 dicembre 2004, recante “Designazione di nuove Zone di
protezione speciale ai sensi della direttiva 79/409/CEE del Consiglio
del 2 aprile 1979”;
Visto il decreto dell’Assessore per il territorio e l’ambiente
della Regione Siciliana n. 46/GAB del 21 febbraio 2005 di
individuazione dei pSIC e delle ZPS ricadenti nel territorio della
Regione Siciliana;
Visto il decreto dell’Assessore per il territorio e l’ambiente
della Regione Siciliana del 5 maggio 2006, recante “Approvazione
delle cartografie delle aree di interesse naturalistico SIC e ZPS e
delle schede aggiornate dei siti Natura 2000 ricadenti nel territorio
della Regione”;
Vista la deliberazione della Giunta regionale della Toscana del
14 marzo 2005, n. 400, recante “Direttiva 79/409/CEE. Classificazione
del sito di interesse regionale B08 Monte Capannello, Cima del Monte,
come zona di protezione speciale (ZPS)”;
Vista la deliberazione della Giunta provinciale di Trento n. 655
dell’8 aprile 2005, recante “Individuazione delle zone di protezione
speciale (ZPS) ai sensi dell’art. 10, comma 7 della legge provinciale
15 dicembre 2004, n. 10, in attuazione della direttiva 79/409/CEE del
Consiglio del 2 aprile 1979”;
Vista la deliberazione della Giunta provinciale di Trento n. 2955
del 30 dicembre 2005, recante “Rettifica della deliberazione n. 655
dell’8 aprile 2005, recante “Individuazione delle zone di protezione
speciale (ZPS) ai sensi dell’art. 10, comma 7, della legge
provinciale 15 dicembre 2004, n. 10, in attuazione della direttiva
79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979″”;
Visti il decreto del Presidente della Giunta regionale del Veneto
n. 241 del 18 maggio 2005, recante “Zone di protezione speciale
(ZPS), Siti di importanza comunitaria (SIC). Provvedimento in
esecuzione sentenza Corte di giustizia delle Comunita’ europee del
20 marzo 2003, Causa C-378/01. Ricognizione e revisione dati
effettuata nell’ambito del progetto di cui alla D.G.R. n. 4360 del 30
dicembre 2003” e la deliberazione della Giunta regionale del Veneto
del 18 aprile 2006, n. 1180, recante “Rete ecologica europea Natura
2000. Aggiornamento banca dati”;
Visto il parere favorevole sul presente decreto espresso dalla
Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 15 febbraio 2007;
Considerata la necessita’ di rendere pubblico l’elenco delle zone
di protezione speciale individuate dalle regioni e province autonome
di Trento e Bolzano per permetterne la conoscenza, la valorizzazione
e la tutela ai sensi della direttiva 79/409/CEE;
Decreta:
Art. 1.
1. Le zone di protezione speciale classificate ovvero istituite ai
sensi della direttiva 79/409/CEE sono elencate nell’allegato A che
costituisce parte integrante del presente decreto.
2. L’allegato A al presente decreto sostituisce l’allegato I al
decreto 25 marzo 2005 citato nelle premesse.

Art. 2.
1. I formulari standard “Natura 2000” e le cartografie delle zone
di protezione speciale sono depositati e disponibili presso la
Direzione per la protezione della natura del Ministero dell’ambiente
e della tutela del territorio e del mare e, per la parte di
competenza, presso le regioni e le province autonome di Trento e
Bolzano.

Art. 3.
1. Eventuali integrazioni e/o variazioni all’elenco riportato
nell’allegato A al presente decreto verranno effettuate con
successivo decreto ministeriale.

Roma, 5 luglio 2007

Il Ministro: Pecoraro Scanio

—-> Vedere Allegato da pag. 8 a pag. 20 del S.O. in formato
zip/pdf

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 5 Luglio 2007

Agrinews.info