MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 9 novembre 2006 | Agrinews.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 9 novembre 2006

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 9 novembre 2006 - Individuazione delle somme da erogare in favore delle regioni a statuto ordinario, per gli anni 2002, 2003 e 2004, ai sensi dell'articolo 1, comma 322, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006). (GU n. 273 del 23-11-2006)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 9 novembre 2006

Individuazione delle somme da erogare in favore delle regioni a
statuto ordinario, per gli anni 2002, 2003 e 2004, ai sensi
dell’articolo 1, comma 322, della legge 23 dicembre 2005, n. 266
(legge finanziaria 2006).

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 56, recante
«Disposizioni in materia di federalismo, a norma dell’art. 10 della
legge 13 maggio 1999, n. 133»;
Visto l’art. 2 del decreto legislativo n. 56 del 2000 che detta
norme riguardanti la «compartecipazione regionale all’IVA»;
Visto il comma 4 dell’art. 2 del decreto legislativo n. 56 del
2000, che ha disposto che con decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri, su proposta del Ministro del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica, sentito il Ministero della sanita’,
d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono stabilite
annualmente, per ciascuna regione: a) la quota di compartecipazione
all’IVA; b) la quota di concorso alla solidarieta’ interregionale; c)
la quota da assegnare a titolo di fondo perequativo nazionale; d) le
somme da erogare a ciascuna regione;
Visto l’art. 1, comma 319, della legge finanziaria 23 dicembre
2005, n. 266, che stabilisce che per gli anni dal 2002 fino
all’adozione dei provvedimenti di attuazione dell’art. 119 della
Costituzione, il decreto di cui all’art. 2, comma 4, del decreto
legislativo n. 56 del 2000, puo’ apportare le modifiche alle
specifiche tecniche di cui all’allegato A del medesimo decreto, al
fine di rispettare le quote annuali come determinate ai sensi di
quanto disposto dal successivo comma 320;
Considerato che con decreti del Presidente del Consiglio dei
Ministri – sui quali e’ stata raggiunta l’intesa in Conferenza
permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano nelle sedute del 16 marzo 2006 e del
22 giugno 2006 – sono state determinate per gli anni 2002, 2003 e
2004 e per ciascuna regione, le quote previste dall’art. 2, comma 4,
del decreto legislativo n. 56 del 2000, tenendo conto di quanto
previsto dall’art. 1, commi 319 e 320, della legge n. 266 del 2005;
Visto l’art. 1, comma 322, della legge n. 266 del 2005, che ha
previsto che le risorse finanziarie dovute alle regioni a statuto
ordinario in applicazione delle disposizioni recate dai commi 319 e
320 sono corrisposte secondo un piano graduale definito con decreto
del Ministro dell’economia e delle finanze da adottare, sentita la
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e di Bolzano;
Considerato che il piano graduale di cui all’art. 1, comma 322,
della legge n. 266 del 2005 puo’ fare riferimento alle risorse da
trasferire per il finanziamento della spesa sanitaria corrente per
gli anni 2002, 2003 e 2004 e non anche per l’anno 2005 relativamente
al quale non si e’ ancora raggiunta l’intesa;
Tenuto conto delle somme ad oggi utilizzate per il recupero delle
anticipazioni di tesoreria concesse alle regioni, ai sensi dell’art.
13, comma 6, del decreto legislativo n. 56 del 2000 e successive
modificazioni e delle somme gia’ erogate per il finanziamento della
spesa sanitaria corrente per i medesimi anni;
Visto il parere favorevole della Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e
di Bolzano reso nella seduta del 19 ottobre 2006;
Ritenuta la necessita’ di adottare il decreto previsto dall’art.
1, comma 322, della legge n. 266 del 2005;
Decreta:

Art. 1.
1. Le somme da corrispondere alle regioni a statuto ordinario di
cui alle allegate tabelle per gli anni 2002, 2003 e 2004, ai sensi
dell’art. 1, comma 322, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, al
netto delle somme destinate al recupero delle anticipazioni di
tesoreria ancora in essere e delle somme gia’ erogate per il
finanziamento della spesa sanitaria corrente relativa agli anni
2002-2004, sono erogate in due soluzioni di pari importo il
22 novembre 2006 e il 22 dicembre 2006, fermi restando eventuali
successivi conguagli.
2. Le somme di cui al comma 1 non tengono conto di quelle dovute,
a titolo di fondo di garanzia, ai sensi dell’art. 13, comma 3, del
decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 56 e di quelle connesse alle
manovre fiscali adottate dalle regioni per gli anni 2002-2004.
3. In sede di erogazione delle somme di cui al comma 1 sono
accantonate le somme la cui erogazione e’ subordinata agli esiti
della verifica degli adempimenti previsti dall’Accordo tra Governo,
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano dell’8 agosto
2001 e del 16 dicembre 2004, cosi’ come richiamati dall’art. 40 della
legge finanziaria 28 dicembre 2001, n. 448 e successive integrazioni.
Il presente decreto viene pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 9 novembre 2006
Il Ministro: Padoa Schioppa
Registrato alla Corte dei conti il 19 novembre 2006
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n.
6 Economia e finanze, foglio n. 169

—-> Vedere Tabella da pag. 11 a pag. 14 della G.U. in formato
zip/pdf

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 9 novembre 2006

Agrinews.info