MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 10 Agosto 2007 | Agrinews.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 10 Agosto 2007

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 10 Agosto 2007 - Criteri di remunerazione per il servizio di interrompibilita' commerciale aggiuntiva attivato nel periodo dal 13 al 24 febbraio 2006. (GU n. 223 del 25-9-2007 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 10 Agosto 2007

Criteri di remunerazione per il servizio di interrompibilita’
commerciale aggiuntiva attivato nel periodo dal 13 al 24 febbraio
2006.

IL DIRETTORE GENERALE
per l’energia e le risorse minerarie

Visto l’art. 28, comma 3 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n.
164, che stabilisce che, in caso di crisi del mercato dell’energia o
di gravi rischi per la sicurezza della collettivita’, dell’integrita’
delle apparecchiature e degli impianti di utilizzazione del gas
naturale, il Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, ora Ministero dello sviluppo economico, puo’
adottare le necessarie misure temporanee di salvaguardia;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive del
12 dicembre 2005 recante aggiornamento della procedura di emergenza
per fronteggiare la mancanza di copertura del fabbisogno di gas
naturale in caso di eventi climatici sfavorevoli (nel seguito:
procedura di emergenza climatica);
Vista la deliberazione 29 dicembre 2005, n. 297/05, dell’Autorita’
per l’energia elettrica ed il gas (nel seguito: l’Autorita), con la
quale, tra l’altro, e’ stato costituito un fondo presso la cassa
conguaglio per il settore elettrico ai fini della promozione
dell’interrompibilita’ del sistema del gas naturale;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive del
20 gennaio 2006, con il quale e’ stato istituito in via urgente e
transitoria un meccanismo di incentivi per l’offerta di una
interrompibilita’ aggiuntiva rispetto a quella derivante dalla
attivazione dei contratti di fornitura di tipo interrompibile di cui
alla fase 2 della procedura approvata con il decreto ministeriale
12 dicembre 2005 sopra citato;
Vista la deliberazione 21 gennaio 2006, n. 10/06, dell’Autorita’,
recante disposizioni transitorie ed urgenti per l’assegnazione di
incentivi all’offerta di interrompibilita’ delle forniture di gas in
attuazione del decreto ministeriale 20 gennaio 2006 sopra citato;
Vista la nota in data 2 febbraio 2006 con la quale la societa’
“Snam rete gas S.p.a.” ha comunicato al Ministero delle attivita’
produttive ed all’Autorita’ i risultati della procedura concorsuale
per l’assegnazione del servizio di interrompibilita’ tecnica
remunerata ai sensi della deliberazione n. 10/06 sopra citata;
Vista la deliberazione 3 febbraio 2006, n. 25/06, dell’Autorita’
con la quale e’ stato espresso il parere favorevole sui risultati
della procedura concorsuale previsto dall’art. 2, comma 7, del
decreto ministeriale 20 gennaio 2006 sopra citato;
Visto il decreto del direttore generale per l’energia e le risorse
minerarie del Ministero delle attivita’ produttive del 3 febbraio
2006 recante l’approvazione dei risultati della procedura concorsuale
per l’assegnazione del servizio di interrompibilita’ tecnica
remunerata ai sensi della deliberazione 21 gennaio 2006, n. 10/06,
dell’Autorita’, ed il rinvio a successivi provvedimenti, da emanare
ai sensi dell’art. 2, commi 7 e 9 del decreto ministeriale 20 gennaio
2006, per disciplinare gli aspetti economici relativi alla possibile
attivazione della interrompibilita’ oltre il 10 febbraio 2006
relativa ai clienti finali con contratto di fornitura interrompibile,
di cui alla fase 2 della procedura di emergenza climatica, che
avrebbe potuto essere disposta ai sensi del punto 24 della stessa
procedura;
Vista la nota del 19 aprile 2007 della direzione mercati
dell’Autorita’ nella quale, in relazione alle specifiche richieste di
cui nella nota del 6 febbraio 2007 della direzione generale energia e
risorse minerarie del Ministero dello sviluppo economico, e’ stata
condivisa l’opportunita’ di remunerare, con l’applicazione di un
criterio basato sull’analogia con quanto previsto per il servizio di
interrompibilita’ tecnica di cui alla deliberazione dell’Autorita’
21 gennaio 2006, n. 10/06, il servizio effettivamente reso al
sistema, ai sensi della fase 5 della procedura di emergenza
climatica, mediante l’interruzione delle forniture di gas naturale
operata nelle due settimane dal 13 al 24 febbraio dai clienti con
contratto di fornitura di tipo interrompibile;
Considerato che nella sopra citata nota del 19 aprile 2007 della
direzione mercati dell’Autorita’ e’ stato precisato che i soggetti
con contratto di fornitura interrompibile, coinvolti nella fase 5
della procedura di emergenza climatica e che hanno partecipato anche
all’offerta di interrompibilita’ tecnica di cui alla deliberazione n.
10/06, dovrebbero percepire il solo corrispettivo di attivazione CA,
in quanto e’ gia’ stato loro riconosciuto il corrispettivo di
disponibilita’ CD;
Considerato opportuno ed equo remunerare i soggetti con contratto
di fornitura interrompibile, inseriti nel sistema SETEGAS
dell’impresa maggiore di trasporto, per i quali, ai sensi della
procedura di emergenza climatica, era stata dapprima attivata,
avvalendosi della loro tipologia contrattuale ed in applicazione
della cosiddetta fase 2, la sospensione delle forniture per tre
settimane, e successivamente, a causa del protrarsi e dell’aggravarsi
della situazione di emergenza che ha causato l’erogazione dallo
stoccaggio strategico, era stata prolungata l’interruzione per
ulteriori due settimane (dal 13 al 24 febbraio 2006) nell’ambito
della cosiddetta fase 5;
Considerato che tali clienti sono gli unici ad avere subito
interruzioni, mentre gli altri clienti che avevano fatto offerte di
volumi interrompibili nell’ambito del servizio di interrompibilita’
tecnica remunerata non sono stati chiamati a sospendere i propri
prelievi ed hanno ottenuto, in cambio del servizio potenzialmente
offerto, il versamento del corrispettivo di disponibilita’ CD
stabilito dall’Autorita’ con la deliberazione 21 gennaio 2006, n.
10/2006;
Ritenuto equo, anche in considerazione delle segnalazioni dei danni
economici pervenute da tali clienti, remunerare tale servizio
effettivamente reso al sistema, che non appare potersi ricomprendere
unicamente nella tariffa di trasporto ridotta per tale tipo di
clienti stabilita dalla deliberazione 29 luglio 2005, n. 166
dell’Autorita’;

Decreta:

Art. 1.

Aspetti economici relativi al servizio di interrompibilita’ prestato
in data successiva al 10 febbraio 2006

1. L’impresa maggiore di trasporto, a seguito di puntuale verifica
dell’effettivo apporto al sistema fornito dai singoli soggetti e
secondo le procedure stabilite dall’Autorita’ per il servizio di
interrompibilita’ tecnica remunerata, attribuisce un corrispettivo a
tutti i clienti con contratto di fornitura di tipo interrompibile,
inseriti nel sopra citato sistema SETEGAS, che abbiano effettivamente
provveduto a sospendere o ridurre i propri prelievi nella misura
prevista per le due settimane dal 13 al 24 febbraio 2006 in
corrispondenza della fase 5 della procedura di emergenza climatica.
2. Il corrispettivo di cui al comma 1 e’ determinato, in analogia
con la remunerazione prevista per il servizio di interrompibilita’
tecnica remunerata, nel valore minimo del corrispettivo CA offerto
dalle imprese che, pur rientrando nella categoria dei clienti con
contratto di fornitura di tipo interrompibile, hanno partecipato
volontariamente anche al servizio di interrompibilita’ tecnica per
volumi o periodi aggiuntivi rispetto ai volumi inseriti nel sistema
SETEGAS dell’impresa maggiore di trasporto. Tale corrispettivo e’
risultato corrispondente al valore di 10.700 euro per lotto, da
corrispondere proporzionalmente ai volumi effettivamente non
prelevati.
3. Agli stessi clienti di cui al comma 1 e’ attribuito altresi’ un
ulteriore corrispettivo pari al valore del corrispettivo di
disponibilita’ CD per le stesse due settimane, stabilito dalla
deliberazione n. 10/06 dell’Autorita’ in 3.000 euro per settimana per
ogni 10.000 Smc/giorno, dedotto lo sconto gia’ applicato per
l’interrompibilita’ commerciale ai sensi della deliberazione n.
166/05 riferito allo stesso periodo. Ove un cliente abbia partecipato
anche all’offerta di interrompibilita’ tecnica ai sensi della
deliberazione n. 10/06 dell’Autorita’, l’ulteriore corrispettivo non
e’ dovuto, avendo tali clienti gia’ ottenuto il corrispettivo CD in
riconoscimento della adesione al servizio di interrompibilita’
tecnica.
4. L’impresa maggiore di trasporto attribuisce i corrispettivi di
cui ai commi 2 e 3 mediante le procedure di cui all’art. 9 della
deliberazione n. 10/06 dell’Autorita’, inviando copia dei prospetti
di calcolo al Ministero ed all’Autorita’.

Art. 2.

Disposizioni finali

Il presente decreto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e nel sito Internet del Ministero dello sviluppo
economico, entra in vigore dalla data della sua prima pubblicazione.
Roma, 10 agosto 2007

Il direttore generale: Romano

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 10 Agosto 2007

Agrinews.info