MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 29 Agosto 2007 | Agrinews.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 29 Agosto 2007

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 29 Agosto 2007 - Vigilanza sul mercato degli strumenti di misura di cui all'articolo 14 del decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, che attua la direttiva 2004/22/CE. (GU n. 225 del 27-9-2007 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 29 Agosto 2007

Vigilanza sul mercato degli strumenti di misura di cui
all’articolo 14 del decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, che
attua la direttiva 2004/22/CE.

IL VICEMINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, recante
attuazione della direttiva 2004/22/CE relativa agli strumenti di
misura;
Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59, concernente la delega al
Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed
enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la
semplificazione amministrativa;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, concernente il
conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle
regioni ed agli enti locali, ed, in particolare, gli articoli 20 e
50, relativi all’attribuzione delle funzioni degli uffici metrici
provinciali alle camere di commercio, industria, artigianato e
agricoltura;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, di riforma
dell’organizzazione del Governo a norma dell’art. 11 della legge
15 marzo 1997, n. 59, e le successive modificazioni ed in particolare
l’art. 29, comma 2, relativo alla facolta’ da parte del Ministero
delle attivita’ produttive di avvalersi degli uffici delle camere di
commercio;
Visto il decreto legislativo 5 settembre 2000, n. 256, che reca
norme di attuazione dello statuto speciale della regione
Friuli-Venezia Giulia concernente il trasferimento alle camere di
commercio delle funzioni e dei compiti degli uffici provinciali
metrici;
Visto il decreto legislativo 1° marzo 2001, n. 113, che reca norme
di attuazione dello statuto speciale della regione Trentino-Alto
Adige concernente, tra l’altro, il trasferimento alle camere di
commercio delle funzioni e dei compiti degli uffici provinciali
metrici;
Visto il decreto legislativo 16 marzo 2001, n. 143, che reca norme
di attuazione dello statuto speciale della regione Siciliana
concernente il trasferimento alle camere di commercio delle funzioni
e dei compiti degli uffici provinciali metrici;
Vista la legge regionale 20 maggio 2002, n. 7, concernente il
riordino dei servizi camerali della Valle d’Aosta e che istituisce la
Camera valdostana delle imprese e delle professioni – Chambre
valdôtaine des entreprises et des activites liberales;
Visto il decreto legislativo 23 maggio 2003, n. 167, concernente
norme di attuazione dello Statuto speciale della regione Sardegna per
il trasferimento alle Camere di commercio delle funzioni e dei
compiti degli uffici metrici provinciali e degli uffici provinciali
dell’industria, del commercio e dell’artigianato;
Vista la legge 17 luglio 2006, n. 233, di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, recante
disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 6 luglio
1999, concernente l’individuazione dei beni e delle risorse degli
uffici metrici provinciali da trasferire alle camere di commercio, a
decorrere dal 1° gennaio 2000 ed in particolare l’art. 5, comma 2,
che attribuisce le funzioni e le risorse dell’ufficio metrico
provinciale di Aosta alla regione Valle d’Aosta, ai sensi del decreto
luogotenenziale del Capo provvisorio dello Stato 23 dicembre 1946, n.
532, a decorrere dal 1° gennaio 2000;
Considerato che il citato decreto legislativo 2 febbraio 2007, n.
22, all’art. 14, comma 1, ha rinviato ad un successivo decreto
ministeriale l’individuazione dei soggetti incaricati di svolgere la
vigilanza sul mercato;

Decreta:

Art. 1.
1. Le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura
sono incaricate di svolgere la vigilanza sul mercato di cui all’art.
14 del decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22.
2. Le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura che
in occasione della vigilanza sul mercato, riscontrano strumenti
indebitamente muniti della marcatura CE e della marcatura metrologica
supplementare o che, pur debitamente muniti delle predette marcature
non soddisfino i requisiti del citato decreto legislativo, informano
la Direzione generale dell’armonizzazione del mercato e la tutela dei
consumatori del Ministero dello sviluppo economico per l’applicazione
degli articoli 16 e17 del citato decreto legislativo.
3. Ai fini della vigilanza sul mercato ai soggetti preposti al
controllo e’ consentito l’accesso ai luoghi di fabbricazione, di
immagazzinamento e di commercializzazione degli strumenti ed il
prelievo di detti strumenti per l’esecuzione di esami e prove.
4. Per l’effettuazione dei controlli tecnici, le Camere di
commercio possono avvalersi di altri organismi previa verifica della
loro conformita’ alle norme della serie EN 45000 o ISO/IEC 17000.

Art. 2.
1. Alle procedure relative all’effettuazione della vigilanza sul
mercato ed alle modalita’ per l’acquisizione e la successiva
restituzione degli strumenti, si applicano le disposizioni dell’art.
47 della legge 6 febbraio 1996, n. 52.
Roma, 29 agosto 2007

Il Viceministro: D’Antoni

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 29 Agosto 2007

Agrinews.info