MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 7 marzo 2007, n.58 | Agrinews.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 7 marzo 2007, n.58

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 7 marzo 2007, n.58 - Regolamento recante indentificazione dei dati sensibili e giudiziari trattati e delle relative operazioni effettuate dal Ministero dello sviluppo economico, in attuazione degli articoli 20 e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. (GU n. 105 del 8-5-2007)

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 7 marzo 2007, n.58

Regolamento recante indentificazione dei dati sensibili e giudiziari
trattati e delle relative operazioni effettuate dal Ministero dello
sviluppo economico, in attuazione degli articoli 20 e 21 del decreto
legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 «Codice in
materia di protezione dei dati personali» e, in particolare gli
articoli, 20, 21 e 181, comma 1, lettera a), che fissano i principi
applicabili al trattamento dei dati sensibili e giudiziari ed il
termine per l’identificazione – con atto di natura regolamentare –
dei tipi di dati trattati e delle operazioni effettuate;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante la
riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’articolo 11
della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modificazioni, e in
particolare gli articoli 27, 28 e 29;
Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 34, recante
modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
300, concernenti le funzioni e la struttura organizzativa del
Ministero delle attivita’ produttive, a norma dell’articolo 1 della
legge 6 luglio 2002, n. 137;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 2001,
n. 175, e successive modificazioni, recante il regolamento di
organizzazione del Ministero delle attivita’ produttive;
Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito con
modificazioni dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, con cui, fra
l’altro, e’ stato soppresso il Ministero delle attivita’ produttive
ed istituito il Ministero dello sviluppo economico;
Visto l’articolo 17, commi 3 e 4, della legge 23 agosto 1988, n.
400;
Visto il provvedimento del Garante per la protezione dei dati
personali del 30 giugno 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana n. 170 del 23 luglio 2005;
Vista l’autorizzazione n. 7/2005 al trattamento dei dati
giudiziari da parte di privati, di enti pubblici economici e di
soggetti pubblici, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana – serie generale – n. 2 del 3 gennaio 2006;
Ravvisata la necessita’ di provvedere ad identificare i tipi di
dati sensibili e giudiziari trattati nell’ambito dell’Amministrazione
dello sviluppo economico, le finalita’ di interesse pubblico
perseguite dal trattamento e le operazioni eseguite con gli stessi
dati;
Ritenuto di dover individuare le operazioni ordinarie che il
Ministero dello sviluppo economico deve necessariamente svolgere per
perseguire le finalita’ di rilevante interesse pubblico individuate
per legge (operazioni di raccolta, registrazione, organizzazione,
conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione,
estrazione, utilizzo, blocco, cancellazione e distruzione);
Considerato ancora che possono dispiegare effetti significativi
per l’interessato anche le operazioni svolte mediante siti web o
volte a definire in forma automatizzata profili degli interessati, le
interconnessioni e i raffronti tra le banche di dati gestite da
diversi titolari, oppure con altre informazioni sensibili e
giudiziarie detenute dal medesimo titolare del trattamento, nonche’
la comunicazione dei dati a terzi e la diffusione;
Ritenuto necessario individuare, con riferimento alle operazioni
che possono spiegare effetti significativi per l’interessato, quelle
effettuate dal Ministero dello sviluppo economico ed in particolare
le operazioni di comunicazioni a terzi;
Ritenuto di aver verificato, per i trattamenti di cui sopra, il
rispetto dei principi e delle garanzie previste dall’articolo 22 del
«Codice in materia di protezione dei dati personali», con particolare
riguardo alla pertinenza, non eccedenza ed indispensabilita’ dei dati
sensibili e giudiziari rispetto alle finalita’ perseguite,
all’indispensabilita’ delle predette operazioni per il perseguimento
delle finalita’ di rilevante interesse pubblico individuate per
legge, nonche’ dell’esistenza di fonti normative idonee a legittimare
l’effettuazione delle medesime operazioni;
Considerato che le disposizioni di legge, citate nella parte
descrittiva delle fonti normative degli allegati, si intendono come
recanti le successive modifiche e integrazioni;
Acquisito il parere in data 30 novembre 2006 del Garante per la
protezione dei dati personali ai sensi dell’articolo 154, comma 1,
lettera g), del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione
consultiva per gli atti normativi nell’adunanza del 22 gennaio 2007;
Vista la comunicazione della Presidenza del Consiglio dei
Ministri, a norma dell’articolo 17, comma 3, della citata legge n.
400 del 1988, (nota n. 1697, in data 2 marzo 2007);
A d o t t a
il seguente regolamento:
Art. 1.
O g g e t t o
1. Il presente regolamento, in attuazione del decreto legislativo
30 giugno 2003, n. 196, recante «Codice in materia di protezione dei
dati personali», e successive modificazioni, identifica i tipi di
dati sensibili e giudiziari e le operazioni eseguibili da parte del
Ministero dello sviluppo economico nello svolgimento delle proprie
funzioni istituzionali.

Avvertenza:Le note qui pubblicate sono state redatte
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, comma 3 del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
– Si riporta il testo degli articoli 20, 21 e 181,
comma 1, lettera a), del decreto legislativo 30 giugno
2003, n. 196, concernente il «Codice in materia di
protezione dei dati personali», pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 29 luglio 2003, n. 174, supplemento ordinario:
«Art. 20 (Principi applicabili al trattamento di dati
sensibili). – 1. Il trattamento dei dati sensibili da parte
di soggetti pubblici e’ consentito solo se autorizzato da
espressa disposizione di legge nella quale sono specificati
i tipi di dati che possono essere trattati e di operazioni
eseguibili e le finalita’ di rilevante interesse pubblico
perseguite.
2. Nei casi in cui una disposizione di legge specifica
la finalita’ di rilevante interesse pubblico, ma non i tipi
di dati sensibili e di operazioni eseguibili, il
trattamento e’ consentito solo in riferimento ai tipi di
dati e di operazioni identificati e resi pubblici a cura
dei soggetti che ne effettuano il trattamento, in relazione
alle specifiche finalita’ perseguite nei singoli casi e nel
rispetto dei principi di cui all’art. 22, con atto di
natura regolamentare adottato in conformita’ al parere
espresso dal Garante ai sensi dell’art. 154, comma 1,
lettera g), anche su schemi tipo.
3. Se il trattamento non e’ previsto espressamente da
una disposizione di legge i soggetti pubblici possono
richiedere al Garante l’individuazione delle attivita’, tra
quelle demandate ai medesimi soggetti dalla legge, che
perseguono finalita’ di rilevante interesse pubblico e per
le quali e’ conseguentemente autorizzato, ai sensi
dell’art. 26, comma 2, il trattamento dei dati sensibili.
Il trattamento e’ consentito solo se il soggetto pubblico
provvede altresi’ a identificare e rendere pubblici i tipi
di dati e di operazioni nei modi di cui al comma 2.
4. L’identificazione dei tipi di dati e di operazioni
di cui ai commi 2 e 3 e’ aggiornata e integrata
periodicamente.».
«Art. 21 (Principi applicabili al trattamento di dati
giudiziari). – 1. Il trattamento di dati giudiziari da
parte di soggetti pubblici e’ consentito solo se
autorizzato da espressa disposizione di legge o
provvedimento del Garante che specifichino le finalita’ di
rilevante interesse pubblico del trattamento, i tipi di
dati trattati e di operazioni eseguibili.
2. Le disposizioni di cui all’art. 20, commi 2 e 4, si
applicano anche al trattamento dei dati giudiziari.».
«Art. 181 (Altre disposizioni transitorie). – 1. Per i
trattamenti di dati personali iniziati prima del 1° gennaio
2004, in sede di prima applicazione del presente codice:
a) l’identificazione con atto di natura regolamentare
dei tipi di dati e di operazioni ai sensi degli
articoli 20, commi 2 e 3, e 21, comma 2, e’ effettuata, ove
mancante, entro il 28 febbraio 2007;
(Omissis).».
– Il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300
(Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art.
11 della legge 15 marzo 1997, n. 59), e’ pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale 30 agosto 1999, n. 203, supplemento
ordinario.
– Si riporta il testo dell’art. 11 della legge 15 marzo
1997, n. 59 (Delega al Governo per il conferimento di
funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la
riforma della pubblica amministrazione e per la
semplificazione amministrativa) pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale 17 marzo 1997, n. 63, supplemento ordinario.
«Art. 11. – 1. Il Governo e’ delegato ad emanare, entro
il 31 gennaio 1999, uno o piu’ decreti legislativi diretti
a:
a) razionalizzare l’ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei Ministri e dei Ministeri, anche attraverso il
riordino, la soppressione e la fusione di Ministeri,
nonche’ di amministrazioni centrali anche ad ordinamento
autonomo;
b) riordinare gli enti pubblici nazionali operanti in
settori diversi dalla assistenza e previdenza, le
istituzioni di diritto privato e le societa’ per azioni,
controllate direttamente o indirettamente dallo Stato, che
operano, anche all’estero, nella promozione e nel sostegno
pubblico al sistema produttivo nazionale;
c) riordinare e potenziare i meccanismi e gli
strumenti di monitoraggio e di valutazione dei costi, dei
rendimenti e dei risultati dell’attivita’ svolta dalle
amministrazioni pubbliche;
d) riordinare e razionalizzare gli interventi diretti
a promuovere e sostenere il settore della ricerca
scientifica e tecnologica nonche’ gli organismi operanti
nel settore stesso.
2. I decreti legislativi sono emanati previo parere
della commissione di cui all’art. 5, da rendere entro
trenta giorni dalla data di trasmissione degli stessi.
Decorso tale termine i decreti legislativi possono essere
comunque emanati.
3. Disposizioni correttive e integrative ai decreti
legislativi possono essere emanate, nel rispetto degli
stessi principi e criteri direttivi e con le medesime
procedure, entro un anno dalla data della loro entrata in
vigore.
4. Anche al fine di conformare le disposizioni del
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni, alle disposizioni della presente legge
recanti principi e criteri direttivi per i decreti
legislativi da emanarsi ai sensi del presente capo,
ulteriori disposizioni integrative e correttive al decreto
legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni, possono essere emanate entro il 31 ottobre
1998. A tal fine il Governo, in sede di adozione dei
decreti legislativi, si attiene ai principi contenuti negli
articoli 97 e 98 della Costituzione, ai criteri direttivi
di cui all’art. 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, a
partire dal principio della separazione tra compiti e
responsabilita’ di direzione politica e compiti e
responsabilita’ di direzione delle amministrazioni,
nonche’, ad integrazione, sostituzione o modifica degli
stessi ai seguenti principi e criteri direttivi:
a) completare l’integrazione della disciplina del
lavoro pubblico con quella del lavoro privato e la
conseguente estensione al lavoro pubblico delle
disposizioni del codice civile e delle leggi sui rapporti
di lavoro privato nell’impresa; estendere il regime di
diritto privato del rapporto di lavoro anche ai dirigenti
generali ed equiparati delle amministrazioni pubbliche,
mantenendo ferme le altre esclusioni di cui all’art. 2,
commi 4 e 5, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n.
29, e successive modificazioni;
b) prevedere per i dirigenti, compresi quelli di cui
alla lettera a), l’istituzione di un ruolo unico
interministeriale presso la Presidenza del Consiglio dei
Ministri, articolato in modo da garantire la necessaria
specificita’ tecnica;
c) semplificare e rendere piu’ spedite le procedure
di contrattazione collettiva; riordinare e potenziare
l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche
amministrazioni (ARAN) cui e’ conferita la rappresentanza
negoziale delle amministrazioni interessate ai fini della
sottoscrizione dei contratti collettivi nazionali, anche
consentendo forme di associazione tra amministrazioni, ai
fini dell’esercizio del potere di indirizzo e direttiva
all’ARAN per i contratti dei rispettivi comparti;
d) prevedere che i decreti legislativi e la
contrattazione possano distinguere la disciplina relativa
ai dirigenti da quella concernente le specifiche tipologie
professionali, fatto salvo quanto previsto per la dirigenza
del ruolo sanitario di cui all’art. 15 del decreto
legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive
modificazioni, e stabiliscano altresi’ una distinta
disciplina per gli altri dipendenti pubblici che svolgano
qualificate attivita’ professionali, implicanti
l’iscrizione ad albi, oppure tecnico-scientifiche e di
ricerca;
e) garantire a tutte le amministrazioni pubbliche
autonomi livelli di contrattazione collettiva integrativa
nel rispetto dei vincoli di bilancio di ciascuna
amministrazione; prevedere che per ciascun ambito di
contrattazione collettiva le pubbliche amministrazioni,
attraverso loro istanze associative o rappresentative,
possano costituire un comitato di settore;
f) prevedere che, prima della definitiva
sottoscrizione del contratto collettivo, la quantificazione
dei costi contrattuali sia dall’ARAN sottoposta,
limitatamente alla certificazione delle compatibilita’ con
gli strumenti di programmazione e di bilancio di cui
all’art. 1-bis della legge 5 agosto 1978, n. 468, e
successive modificazioni, alla Corte dei conti, che puo’
richiedere elementi istruttori e di valutazione ad un
nucleo di tre esperti, designati, per ciascuna
certificazione contrattuale, con provvedimento del
Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il
Ministro del tesoro; prevedere che la Corte dei conti si
pronunci entro il termine di quindici giorni, decorso il
quale la certificazione si intende effettuata; prevedere
che la certificazione e il testo dell’accordo siano
trasmessi al comitato di settore e, nel caso di
amministrazioni statali, al Governo; prevedere che, decorsi
quindici giorni dalla trasmissione senza rilievi, il
presidente del consiglio direttivo dell’ARAN abbia mandato
di sottoscrivere il contratto collettivo il quale produce
effetti dalla sottoscrizione definitiva; prevedere che, in
ogni caso, tutte le procedure necessarie per consentire
all’ARAN la sottoscrizione definitiva debbano essere
completate entro il termine di quaranta giorni dalla data
di sottoscrizione iniziale dell’ipotesi di accordo;
g) devolvere, entro il 30 giugno 1998, al giudice
ordinario, tenuto conto di quanto previsto dalla
lettera a), tutte le controversie relative ai rapporti di
lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni,
ancorche’ concernenti in via incidentale atti
amministrativi presupposti, ai fini della disapplicazione,
prevedendo: misure organizzative e processuali anche di
carattere generale atte a prevenire disfunzioni dovute al
sovraccarico del contenzioso; procedure stragiudiziali di
conciliazione e arbitrato; infine, la contestuale
estensione della giurisdizione del giudice amministrativo
alle controversie aventi ad oggetto diritti patrimoniali
conseguenziali, ivi comprese quelle relative al
risarcimento del danno, in materia edilizia, urbanistica e
di servizi pubblici, prevedendo altresi’ un regime
processuale transitorio per i procedimenti pendenti;
h) prevedere procedure facoltative di consultazione
delle organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti
collettivi dei relativi comparti prima dell’adozione degli
atti interni di organizzazione aventi riflessi sul rapporto
di lavoro;
i) prevedere la definizione da parte della Presidenza
del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione
pubblica di un codice di comportamento dei dipendenti della
pubblica amministrazione e le modalita’ di raccordo con la
disciplina contrattuale delle sanzioni disciplinari,
nonche’ l’adozione di codici di comportamento da parte
delle singole amministrazioni pubbliche; prevedere la
costituzione da parte delle singole amministrazioni di
organismi di controllo e consulenza sull’applicazione dei
codici e le modalita’ di raccordo degli organismi stessi
con il Dipartimento della funzione pubblica.
4-bis. I decreti legislativi di cui al comma 4 sono
emanati previo parere delle commissioni parlamentari
permanenti competenti per materia, che si esprimono entro
trenta giorni dalla data di trasmissione dei relativi
schemi. Decorso tale termine, i decreti legislativi possono
essere comunque emanati.
5. Il termine di cui all’art. 2, comma 48, della legge
28 dicembre 1995, n. 549, e’ riaperto fino al 31 luglio
1997.
6. Dalla data di entrata in vigore dei decreti
legislativi di cui al comma 4, sono abrogate tutte le
disposizioni in contrasto con i medesimi. Sono apportate le
seguenti modificazioni alle disposizioni dell’art. 2,
comma 1, della legge 23 ottobre 1992, n. 421: alla
lettera e) le parole: «ai dirigenti generali ed equiparati»
sono soppresse; alla lettera i) le parole: «prevedere che
nei limiti di cui alla lettera h) la contrattazione sia
nazionale e decentrata» sono sostituite dalle seguenti:
«prevedere che la struttura della contrattazione, le aree
di contrattazione e il rapporto tra i diversi livelli siano
definiti in coerenza con quelli del settore privato»; la
lettera q) e’ abrogata; alla lettera t) dopo le parole:
«concorsi unici per profilo professionale» sono inserite le
seguenti: «, da espletarsi a livello regionale,».
7. Sono abrogati gli articoli 38 e 39 del decreto
legislativo 3 febbraio 1993, n. 29. Sono fatti salvi i
procedimenti concorsuali per i quali sia stato gia’
pubblicato il bando di concorso.».
– Si riporta il testo degli articoli 27, 28 e 29 del
decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (Riforma
dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art. 11 della
legge 15 marzo 1997, n. 59), pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 30 agosto 1999, n. 203, supplemento ordinario.
«Art. 27 (Istituzione del Ministero e attribuzioni). –
1. E’ istituito il Ministero delle attivita’ produttive.
2. Il Ministero, ferme restando le competenze del
Presidente del Consiglio dei Ministri, ha lo scopo di
formulare e attuare politiche e strategie per lo sviluppo
del sistema produttivo, ivi inclusi gli interventi in
favore delle aree sottoutilizzate, secondo il principio di
sussidiarieta’ e di leale collaborazione con gli enti
territoriali interessati e in coerenza con gli obiettivi
generali di politica industriale e, in particolare, di:
a) promuovere le politiche per la competitivita’
internazionale, in coerenza con le linee generali di
politica estera e lo sviluppo economico del sistema
produttivo nazionale e di realizzarle o favorirne
l’attuazione a livello settoriale e territoriale, anche
mediante la partecipazione, fatte salve le competenze del
Ministero dell’economia e delle finanze e per il tramite
dei rappresentanti italiani presso tali organizzazioni,
alle attivita’ delle competenti istituzioni internazionali;
b) sostenere e integrare l’attivita’ degli enti
territoriali per assicurare l’unita’ economica del Paese;
c) promuovere la concorrenza;
d) coordinare le istituzioni pubbliche e private
interessate allo sviluppo della competitivita’;
e) monitorare l’impatto delle misure di politica
economica, industriale, infrastrutturale, sociale e
ambientale sulla competitivita’ del sistema produttivo.
2-bis. Per realizzare gli obiettivi indicati al
comma 2, il Ministero, secondo il principio di
sussidiarieta’ e di leale collaborazione con gli enti
territoriali interessati:
a) definisce, anche in concorso con le altre
amministrazioni interessate, le strategie per il
miglioramento della competitivita’, anche a livello
internazionale, del Paese e per la promozione della
trasparenza e dell’efficacia della concorrenza nei settori
produttivi, collaborando all’attuazione di tali
orientamenti;
b) promuove, in coordinamento con il Dipartimento di
cui all’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 303, gli interessi del sistema produttivo del
Paese presso le istituzioni internazionali e comunitarie di
settore e facendo salve le competenze del Ministero
dell’economia e delle finanze e del Ministero degli affari
esteri e per il tramite dei rappresentanti italiani presso
tali organismi;
c) definisce le politiche per lo sviluppo economico e
per favorire l’assunzione, da parte delle imprese, di
responsabilita’ relative alle modalita’ produttive, alla
qualita’ e alla sicurezza dei prodotti e dei servizi, alle
relazioni con il consumatore;
d) studia la struttura e l’andamento dell’economia
industriale e aziendale;
e) definisce le strategie e gli interventi della
politica commerciale e promozionale con l’estero, ferme
restando le competenze del Ministero degli affari esteri,
del Ministero dell’economia e delle finanze e del Ministro
per gli italiani nel Mondo.
2-ter. Il Ministero elabora ogni triennio, sentite le
amministrazioni interessate ed aggiornandolo con cadenza
annuale, un piano degli obiettivi, delle azioni e delle
risorse necessarie per il loro raggiungimento, delle
modalita’ di attuazione, delle procedure di verifica e di
monitoraggio.
2-quater. Restano in ogni caso ferme le attribuzioni
degli altri Ministeri e della Presidenza del Consiglio dei
Ministri.
3. Al Ministero sono trasferite, con le inerenti
risorse, le funzioni del Ministero dell’industria, del
commercio e dell’artigianato, del Ministero del commercio
con l’estero, del Dipartimento del turismo istituito presso
la Presidenza del Consiglio dei Ministri, fatte salve le
risorse e il personale che siano attribuiti con il presente
decreto legislativo ad altri Ministeri, agenzie o
autorita’, perche’ concernenti funzioni specificamente
assegnate ad essi, e fatte in ogni caso salve, ai sensi e
per gli effetti degli articoli 1, comma 2, e 3, comma 1,
lettere a) e b), della legge 15 marzo 1997, n. 59, le
funzioni conferite dalla vigente legislazione alle regioni
ed agli enti locali e alle autonomie funzionali.
4. Spettano inoltre al Ministero delle attivita’
produttive le risorse e il personale del Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica, del
Ministero della sanita’, del Ministero del lavoro e della
previdenza sociale, concernenti le funzioni assegnate al
Ministero delle attivita’ produttive dal presente decreto
legislativo.
5. Restano ferme le competenze spettanti al Ministero
della difesa.».
«Art. 28 (Aree funzionali). – 1. Nel rispetto delle
finalita’ e delle azioni di cui all’art. 27, il Ministero,
ferme restando le competenze del Presidente del Consiglio
dei Ministri, svolge per quanto di competenza, in
particolare le funzioni e i compiti di spettanza statale
nelle seguenti aree funzionali:
a) competitivita’: politiche per lo sviluppo della
competitivita’ del sistema produttivo nazionale; politiche
di promozione degli investimenti delle imprese al fine del
superamento degli squilibri di sviluppo economico e
tecnologico, ivi compresi gli interventi a sostegno delle
attivita’ produttive e gli strumenti della programmazione
negoziata, denominati contratti di programma, inclusi
quelli ricompresi nell’ambito dei contratti di
localizzazione, patti territoriali, contratti d’area e
contratti di distretto, nonche’ la partecipazione, per
quanto di competenza ed al pari delle altre
amministrazioni, agli accordi di programma quadro, ed il
raccordo con gli interventi degli enti territoriali,
rispondenti alle stesse finalita’; politiche per le piccole
e medie imprese, per la creazione di nuove imprese e per il
sostegno alle imprese ad alto tasso di crescita, tenendo
conto anche delle competenze regionali; politiche di
supporto alla competitivita’ delle grandi imprese nei
settori strategici; collaborazione pubblico-privato nella
realizzazione di iniziative di interesse nazionale, nei
settori di competenza; politiche per i distretti
industriali; sviluppo di reti nazionali e internazionali
per l’innovazione di processo e di prodotto nei settori
produttivi; attivita’ di regolazione delle crisi aziendali
e delle procedure conservative delle imprese; attivita’ di
coordinamento con le societa’ e gli istituti operanti in
materia di promozione industriale e di vigilanza
sull’Istituto per la promozione industriale; politica
industriale relativa alla partecipazione italiana al Patto
atlantico e all’Unione europea; collaborazione industriale
internazionale nei settori aerospaziali e della difesa,
congiuntamente agli altri Ministeri interessati;
monitoraggio sullo stato dei settori merceologici, ivi
compreso, per quanto di competenza, il settore
agro-industriale, ed elaborazione di politiche per lo
sviluppo degli stessi; iniziative finalizzate
all’ammodernamento di comparti produttivi e di aree colpite
dalla crisi di particolari settori industriali; promozione
delle iniziative nazionali e internazionali in materia di
turismo; politiche per l’integrazione degli strumenti di
agevolazione alle imprese nel sistema produttivo nazionale;
vigilanza ordinaria e straordinaria sulle cooperative;
politiche per la promozione e lo sviluppo della
cooperazione e mutualita’;
b) internazionalizzazione: indirizzi di politica
commerciale con l’estero, in concorso con il Ministero
degli affari esteri e del Ministero dell’economia e delle
finanze; elaborazione di proposte, negoziazione e gestione
degli accordi bilaterali e multilaterali in materia
commerciale; tutela degli interessi della produzione
italiana all’estero; valorizzazione e promozione del made
in Italy, anche potenziando le relative attivita’
informative e di comunicazione, in concorso con le
amministrazioni interessate; disciplina del regime degli
scambi e gestione delle attivita’ di autorizzazione;
collaborazione all’attivita’ di cooperazione internazionale
e di aiuto allo sviluppo, di competenza del Ministero degli
affari esteri e del Ministero dell’economia e delle
finanze, e concorso al relativo coordinamento con le
politiche commerciali e promozionali; coordinamento delle
attivita’ della commissione CIPE per la politica
commerciale con l’estero, disciplina del credito
all’esportazione e dell’assicurazione del credito
all’esportazione e partecipazione nelle competenti sedi
internazionali e comunitarie ferme restando le competenze
del Ministero dell’economia e delle finanze e del Ministero
degli affari esteri; attivita’ di semplificazione degli
scambi, congiuntamente con il Ministero degli affari
esteri, e partecipazione nelle competenti sedi
internazionali; coordinamento, per quanto di competenza,
dell’attivita’ svolta dagli enti pubblici nazionali di
supporto all’internazionalizzazione del sistema produttivo
ed esercizio dei poteri di indirizzo e vigilanza di
competenza del Ministero delle attivita’ produttive;
sviluppo dell’internazionalizzazione attraverso il
coordinamento e la gestione degli strumenti commerciali,
promozionali e finanziari a sostegno di imprese, settori e
distretti produttivi, con la partecipazione di enti
territoriali, sistema camerale, sistema universitario e
parchi tecnico-scientifici, ferme restando le competenze
dei Ministeri interessati; politiche e strategie
promozionali e rapporti con istituzioni pubbliche e private
che svolgono attivita’ di internazionalizzazione;
promozione integrata all’estero del sistema economico, in
collaborazione con il Ministero degli affari esteri e con
gli altri Dicasteri ed enti interessati; rapporti
internazionali in materia fieristica, ivi comprese le
esposizioni universali e coordinamento della promozione del
sistema fieristico di rilievo internazionale, d’intesa con
il Ministero degli affari esteri; coordinamento,
avvalendosi anche degli sportelli regionali, delle
attivita’ promozionali nazionali, raccordandole con quelle
regionali e locali, nonche’ coordinamento, congiuntamente
al Ministero degli affari esteri ed al Ministero
dell’economia e delle finanze, secondo le modalita’ e gli
strumenti previsti dalla normativa vigente, delle attivita’
promozionali in ambito internazionale; sostegno agli
investimenti produttivi delle imprese italiane all’estero,
ferme restando le competenze del Ministero dell’economia e
delle finanze e del Ministero degli affari esteri;
promozione degli investimenti esteri in Italia,
congiuntamente con le altre amministrazioni competenti e
con gli enti preposti; promozione della formazione in
materia di internazionalizzazione; sviluppo e
valorizzazione del sistema turistico per la promozione
unitaria dell’immagine dell’Italia all’estero;
c) sviluppo economico: definizione degli obiettivi e
delle linee di politica energetica e mineraria nazionale e
provvedimenti ad essi inerenti; rapporti con organizzazioni
internazionali e rapporti comunitari nel settore
dell’energia, ferme restando le competenze del Presidente
del Consiglio dei Ministri e del Ministero degli affari
esteri, compresi il recepimento e l’attuazione dei
programmi e delle direttive sul mercato unico europeo in
materia di energia, ferme restando le competenze del
Presidente del Consiglio dei Ministri e delle regioni;
attuazione dei processi di liberalizzazione dei mercati
energetici e promozione della concorrenza nei mercati
dell’energia e tutela dell’economicita’ e della sicurezza
del sistema; individuazione e sviluppo delle reti nazionali
di trasporto dell’energia elettrica e del gas naturale e
definizione degli indirizzi per la loro gestione; politiche
di ricerca, incentivazione e interventi nei settori
dell’energia e delle miniere; ricerca e coltivazione di
idrocarburi e risorse geotermiche; normativa tecnica, area
chimica, sicurezza mineraria, escluse le competenze in
materia di servizio ispettivo per la sicurezza mineraria e
di vigilanza sull’applicazione della legislazione attinente
alla salute sui luoghi di lavoro, e servizi tecnici per
l’energia; vigilanza su enti strumentali e collegamento con
le societa’ e gli istituti operanti nei settori
dell’energia; gestione delle scorte energetiche nonche’
predisposizione ed attuazione dei piani di emergenza
energetica; organizzazione articolata delle attivita’ per i
brevetti, i modelli industriali e per marchi di impresa e
relativi rapporti con le autorita’ internazionali,
congiuntamente con il Ministero degli affari esteri per la
parte di competenza; politiche di sviluppo per
l’innovazione tecnologica nei settori produttivi; politiche
di incentivazione per la ricerca applicata e l’alta
tecnologia; politiche per la promozione e lo sviluppo del
commercio elettronico; partecipazione ai procedimenti di
definizione delle migliori tecnologie disponibili per i
settori produttivi; politiche nel settore delle
assicurazioni e rapporti con l’ISVAP, per quanto di
competenza; promozione della concorrenza nel settore
commerciale, attivita’ di sperimentazione, monitoraggio e
sviluppo delle nuove forme di commercializzazione, al fine
di assicurare il loro svolgimento unitario; coordinamento
tecnico per la valorizzazione e armonizzazione del sistema
fieristico nazionale; disciplina ed attuazione dei rapporti
commerciali e della loro evoluzione, nel rispetto
dell’ordinamento civile e della tutela della concorrenza;
sostegno allo sviluppo della responsabilita’ sociale
dell’impresa, con particolare riguardo ai rapporti con
fornitori e consumatori e nel rispetto delle competenze
delle altre amministrazioni; sicurezza e qualita’ dei
prodotti e degli impianti industriali ad esclusione dei
profili di sicurezza nell’impiego sul lavoro e di vigilanza
sugli enti di normazione tecnica e di accreditamento degli
organismi di certificazione di qualita’ e dei laboratori di
prova per quanto di competenza; partecipazione al sistema
di certificazione ambientale, in particolare in materia di
ecolabel e ecoaudit; qualita’ dei prodotti, ad esclusione
di quelli agricoli e di prima trasformazione di cui
all’allegato I del Trattato istitutivo della Comunita’
economica europea, sicurezza dei prodotti, etichettatura e
qualita’ dei servizi destinati al consumatore, ferme le
competenze delle regioni in materia di commercio;
metrologia legale e determinazione del tempo; politiche per
i consumatori e connessi rapporti con l’Unione europea,
ferme restando le competenze del Presidente del Consiglio
dei Ministri, gli organismi internazionali e gli enti
locali; attivita’ di supporto e segreteria
tecnico-organizzativa del Consiglio nazionale dei
consumatori e degli utenti (CNCU); attivita’ di tutela dei
consumatori nel settore turistico a livello nazionale;
monitoraggio dei prezzi liberi e controllati nelle varie
fasi di scambio ed indagini sulle normative, sui processi
di formazione dei prezzi e delle condizioni di offerta di
beni e servizi; controllo e vigilanza delle manifestazioni
a premio, ferme le attribuzioni del Ministero dell’economia
e finanze – Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato
– in materia di giochi, nonche’ di prevenzione e
repressione dei fenomeni elusivi del relativo monopolio
statale; vigilanza sul sistema delle camere di commercio,
industria, artigianato e agricoltura, secondo quanto
disposto dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, e
sulla tenuta del registro delle imprese; politiche per lo
sviluppo dei servizi nei settori di competenza; vigilanza
sulle societa’ fiduciarie e di revisione nei settori di
competenza.
2. Il Ministero svolge altresi’ compiti di studio,
consistenti in particolare nelle seguenti attivita’:
redazione del piano triennale di cui al comma 2-ter
dell’art. 27; ricerca e rilevazioni economiche riguardanti
i settori produttivi ed elaborazione di iniziative, ivi
compresa la definizione di forme di incentivazione dei
relativi settori produttivi, finalizzate a incrementare la
competitivita’ del sistema produttivo nazionale;
valutazione delle ricadute industriali conseguenti agli
investimenti pubblici; coordinamento informatico-statistico
dei dati relativi agli interventi di agevolazione assunti
in sede di Unione europea, nazionale e regionale, anche ai
fini del monitoraggio e della valutazione degli effetti
sulla competitivita’ del sistema produttivo nazionale;
rilevazione, elaborazione, analisi e diffusione di dati
statistici in materia energetica e mineraria, finalizzati
alla programmazione energetica e mineraria; ricerca in
materia di tutela dei consumatori e degli utenti;
monitoraggio dell’attivita’ assicurativa anche ai fini
delle iniziative legislative in materia; ricerche, raccolta
ed elaborazione di dati e rilevazioni economiche
riguardanti il sistema turistico; promozione di ricerche e
raccolta di documentazione statistica per la definizione
delle politiche di internazionalizzazione del sistema
produttivo italiano; analisi di problemi concernenti gli
scambi di beni e servizi e delle connesse esigenze di
politica commerciale; rilevazione degli aspetti
socio-economici della cooperazione.
3. Restano in ogni caso ferme le competenze degli altri
Ministeri.».
«Art. 29 (Ordinamento). – 1. Il Ministero si articola
in non piu’ di undici direzioni generali, alla cui
individuazione e organizzazione si provvede ai sensi
dell’art. 4, sentite le organizzazioni sindacali
maggiormente rappresentative, e in modo che sia assicurato
il coordinamento delle aree funzionali previste all’art.
28.
2. Il Ministero delle attivita’ produttive si avvale
degli uffici territoriali di Governo, nonche’, sulla base
di apposite convenzioni, delle Camere di commercio,
industria, artigianato e agricoltura.».
– Il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 34
(Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio
1999, n. 300, concernenti le funzioni e la struttura
organizzativa del Ministero delle attivita’ produttive, a
norma dell’art. 1 della legge 6 luglio 2002, n. 137), e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 12 febbraio 2004, n.
35.».
– Il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo
2001, n. 175 (Regolamento di organizzazione del Ministero
delle attivita’ produttive), e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 18 maggio 2001, n. 114, supplemento ordinario.
– Il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito
in legge, con modificazioni, dall’art. 1, della legge
17 luglio 2006, n. 233 (Disposizioni urgenti in materia di
riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio
dei Ministri e dei Ministeri) e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 18 maggio 2006, n. 114.
– Si riporta il testo dell’art. 17, commi 3 e 4 della
legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 12 settembre
1988, n. 214, supplemento ordinario.
«3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del Ministro o di
autorita’ sottordinate al Ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu’ Ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita’ di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.
4. I regolamenti di cui al comma 1 ed i regolamenti
ministeriali ed interministeriali, che devono recare la
denominazione di «regolamento», sono adottati previo parere
del Consiglio di Stato, sottoposti al visto ed alla
registrazione della Corte dei conti e pubblicati nella
Gazzetta Ufficiale.».
– Si riporta il testo dell’art. 22 del decreto
legislativo 30 giugno 2003, n. 196, concernente il «Codice
in materia di protezione dei dati personali», pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 29 luglio 2003, n. 174,
supplemento ordinario.
«Art. 22 (Principi applicabili al trattamento di dati
sensibili e giudiziari). – 1. I soggetti pubblici
conformano il trattamento dei dati sensibili e giudiziari
secondo modalita’ volte a prevenire violazioni dei diritti,
delle liberta’ fondamentali e della dignita’
dell’interessato.
2. Nel fornire l’informativa di cui all’art. 13 i
soggetti pubblici fanno espresso riferimento alla normativa
che prevede gli obblighi o i compiti in base alla quale e’
effettuato il trattamento dei dati sensibili e giudiziari.
3. I soggetti pubblici possono trattare solo i dati
sensibili e giudiziari indispensabili per svolgere
attivita’ istituzionali che non possono essere adempiute,
caso per caso, mediante il trattamento di dati anonimi o di
dati personali di natura diversa.
4. I dati sensibili e giudiziari sono raccolti, di
regola, presso l’interessato.
5. In applicazione dell’art. 11, comma 1,
lettere c), d) ed e), i soggetti pubblici verificano
periodicamente l’esattezza e l’aggiornamento dei dati
sensibili e giudiziari, nonche’ la loro pertinenza,
completezza, non eccedenza e indispensabilita’ rispetto
alle finalita’ perseguite nei singoli casi, anche con
riferimento ai dati che l’interessato fornisce di propria
iniziativa. Al fine di assicurare che i dati sensibili e
giudiziari siano indispensabili rispetto agli obblighi e ai
compiti loro attribuiti, i soggetti pubblici valutano
specificamente il rapporto tra i dati e gli adempimenti. I
dati che, anche a seguito delle verifiche, risultano
eccedenti o non pertinenti o non indispensabili non possono
essere utilizzati, salvo che per l’eventuale conservazione,
a norma di legge, dell’atto o del documento che li
contiene. Specifica attenzione e’ prestata per la verifica
dell’indispensabilita’ dei dati sensibili e giudiziari
riferiti a soggetti diversi da quelli cui si riferiscono
direttamente le prestazioni o gli adempimenti.
6. I dati sensibili e giudiziari contenuti in elenchi,
registri o banche di dati, tenuti con l’ausilio di
strumenti elettronici, sono trattati con tecniche di
cifratura o mediante l’utilizzazione di codici
identificativi o di altre soluzioni che, considerato il
numero e la natura dei dati trattati, li rendono
temporaneamente inintelligibili anche a chi e’ autorizzato
ad accedervi e permettono di identificare gli interessati
solo in caso di necessita’.
7. I dati idonei a rivelare lo stato di salute e la
vita sessuale sono conservati separatamente da altri dati
personali trattati per finalita’ che non richiedono il loro
utilizzo. I medesimi dati sono trattati con le modalita’ di
cui al comma 6 anche quando sono tenuti in elenchi,
registri o banche di dati senza l’ausilio di strumenti
elettronici.
8. I dati idonei a rivelare lo stato di salute non
possono essere diffusi.
9. Rispetto ai dati sensibili e giudiziari
indispensabili ai sensi del comma 3, i soggetti pubblici
sono autorizzati ad effettuare unicamente le operazioni di
trattamento indispensabili per il perseguimento delle
finalita’ per le quali il trattamento e’ consentito, anche
quando i dati sono raccolti nello svolgimento di compiti di
vigilanza, di controllo o ispettivi.
10. I dati sensibili e giudiziari non possono essere
trattati nell’ambito di test psico-attitudinali volti a
definire il profilo o la personalita’ dell’interessato. Le
operazioni di raffronto tra dati sensibili e giudiziari,
nonche’ i trattamenti di dati sensibili e giudiziari ai
sensi dell’art. 14, sono effettuati solo previa annotazione
scritta dei motivi.
11. In ogni caso, le operazioni e i trattamenti di cui
al comma 10, se effettuati utilizzando banche di dati di
diversi titolari, nonche’ la diffusione dei dati sensibili
e giudiziari, sono ammessi solo se previsti da espressa
disposizione di legge.
12. Le disposizioni di cui al presente articolo recano
principi applicabili, in conformita’ ai rispettivi
ordinamenti, ai trattamenti disciplinati dalla Presidenza
della Repubblica, dalla Camera dei deputati, dal Senato
della Repubblica e dalla Corte costituzionale.».
– Si riporta il testo dell’art. 154, comma 1,
lettera g) del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196,
concernente il «Codice in materia di protezione dei dati
personali», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 luglio
2003, n. 174, supplemento ordinario.
«Art. 154 (Compiti). – 1. Oltre a quanto previsto da
specifiche disposizioni, il Garante, anche avvalendosi
dell’Ufficio e in conformita’ al presente codice, ha il
compito di:
a) – f) (Omissis).
g) esprimere pareri nei casi previsti.
Nota all’art. 1:
– Per il testo del decreto legislativo 30 giugno 2003,
n. 196, si vedano le note alle premesse.

Art. 2.
Individuazione dei tipi di dati trattati e delle operazioni
eseguibili
1. Gli allegati, contraddistinti dai numeri da 1 a 9, che formano
parte integrante del presente regolamento, individuano i dati
sensibili e giudiziari per cui e’ consentito il relativo trattamento,
nonche’ le operazioni eseguibili, in riferimento alle specifiche
finalita’ di rilevante interesse pubblico perseguite.
2. I dati sensibili e giudiziari individuati dal presente
regolamento sono trattati previa verifica della loro pertinenza,
completezza e indispensabilita’ rispetto alle finalita’ perseguite
nei singoli casi, in particolare nel caso in cui la raccolta non
avvenga presso l’interessato.
3. Le operazioni di interconnessione e comunicazione individuate
nel presente regolamento sono ammesse soltanto se indispensabili allo
svolgimento degli obblighi o compiti di volta in volta indicati, per
il perseguimento delle specifiche finalita’ di rilevante interesse
pubblico e nel rispetto delle disposizioni in materia di protezione
dei dati personali, nonche’ degli altri limiti stabiliti dalla legge
e dai regolamenti.
4. Sono inutilizzabili i dati trattati in violazione della
disciplina in materia di trattamento dei dati personali.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’
inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della
Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo
e di farlo osservare.

Roma, 7 marzo 2007

Il Ministro: Bersani

Visto, il Guardasigilli: Mastella
Registrato alla Corte dei conti il 18 aprile 2007 Ufficio di
controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive, registro n. 1,
foglio n. 311

INDICE DEI TRATTAMENTI

=====================================================================
Allegato |Denominazione del trattamento
=====================================================================
1 | Gestione delle risorse umane e delle relazioni sindacali
2 | Benefici per i dipendenti
3 | Gestione contenzioso
4 | Politiche di incentivazione
5 | Energia e risorse minerarie
6 | Verifica e controllo
7 | Gestione albi, elenchi e registri
8 | Nomine e onorificenze
9 | Sindacato ispettivo

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

—-> Vedere da Pag. 5 a pag. 25 della G.U. in formato zip/pdf

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 7 marzo 2007, n.58

Agrinews.info